venerdì 7 luglio 2017

Amici.

Se poteste leggere le conversazioni su Telegram tra me e mia sorella (ci sei? Ciao Vi) notereste che ultimamente sono tutte del tenore Sono arrivata alla coppa Geller! oppure Sono a quella della doppia festa per Rachel o ancora Le aragoste! Le aragoste! e via così con poche modifiche. Se siete sulla trentina avrete capito che stiamo riguardando Friends su Netflix, e la circostanza non smette di affascinarmi.
Non riesco a metterla diversamente: stiamo facendo binge-watching di un prodotto che abbiamo guardato in età preadolescenziale. Ogni cosa - anche Friends - ha le nostre coordinate spazio temporali precisissime, e cioè: la nostra penultima casa, l'ultimo videoregistratore che abbiamo posseduto prima che si passasse ad altro, molte VHS su cui registravamo gli episodi che mandava la Rai. Avrei dato un braccio per poter guardare negli anni '90 Friends come sto facendo adesso.
Non che in questa nostalgia, in questi nodini nello stomaco, ci sia nulla di eccezionale - siamo migliaia là fuori, milioni, e ricordiamo tutti esattamente le stesse cose la tv la musica le feste MTV i vestiti i gelati fuori produzione - però continuo a percepirla come magica, questa seconda possibilità.


Share This:    Facebook  Twitter  Google+

1 commento: