lunedì 4 gennaio 2016

Dorate, si spera.

Guardare i fatti nell'insieme un po' mi atterrisce, perciò evito, ho sempre evitato. 
Scomporre invece il problema in piccole parti o, se non c'è il problema, scomporre la vita, di conseguenza le giornate, di conseguenza le ore, scomporre tutto e farne pezzetti gestibili, tessere di mosaico bizantino: dorate, si spera. Task da annotare in ordine sul quaderno a righe. Spuntarle una dopo l'altra, se possibile. 
Controllare il bottino raramente.
Questi periodi tutti passaggi e cambiamenti mi seccano molto e credo dipenda da questa incapacità di tracciare il quadro generale dell'esistenza. 


Che ve ne fate dei quadri generali? Non la sentite la fatica di spingerli dentro le giornate, e adattarli di continuo perché non sono della misura giusta? Beati voi. Io sull'agenda ho scritto della vaghe intenzioni per vivere meglio l'anno nuovo ma mi sono subito vergognata. Ci ho messo su del washi tape con dei gatti dall'aria severissima.

Ormai sono in ufficio.
Non fidatevi di quelli che si annoiano durante le feste. Divano. Plaid. Lucine. Cibo. Film. Dopo di questo viene direttamente il paradiso, teoria di angeli e santi, cori gospel di cherubini. Ripeto, non fidatevi. 
Tra le altre cose, mi hanno regalato il libro illustrato che volevo tantissimo che si è adattato alla perfezione con la visione della seconda stagione di The Knick.
A tal proposito: facciamo che tutte le serie durano 20 puntate e la chiudiamo lì. Breve e intenso. Difficile che in breve spazio qualcosa si sciupi.
Uh ecco, un traguardo a lungo termine: voglio diventare la regina dei fasci muscolari e del sistema arterioso, esperta di tutti quei S. Sebastiano squartati con le viscere in sezione.


Share This:    Facebook  Twitter  Google+

6 commenti:

  1. Il libro è stupendo.
    I quadri generali non servono a nulla se non a fare venire l'ansia. Io prendo i miei pezzettini - come foglietti strappati - e li affronto uno per volta. La vita così fa meno paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisiamente meno paurosa. In un modo dovremo pur fare, no?

      Elimina
  2. Io quadri generali non so farne, mi si spande troppo la pittura della visione.

    In realtà vivo di piccoli elenchi su piccoli fogli bianchi. A quanto pare questo dà fastidio a molti.

    The knick dà questo effetto "maperchèporcanonmisonoiscrittaachirurgia"...avrei potuto riattaccare il naso lungo a pinocchio!
    Questo bellissimo libro a cui ti riferisci, invece, qual è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è questo qui Taschen, lo adoro! http://www.taschen.com/pages/en/catalogue/classics/all/44937/facts.bourgery_atlas_of_human_anatomy_and_surgery.htm

      Elimina
    2. Grazie! (chissà perché non avevo dubbi fosse un catalogo taschen???)

      Elimina
  3. In effetti mi sono sempre chiesta come facciano a dire, certe persone, che si annoiano durante le feste di Natale quando sono a casa a non fare niente mentre c'è chi, come me, lavora anche di più e non riesce neppure a leggere due righe la sera.
    Ho smesso anch'io di fare quadri generali e ultimamente riesco a malapena a portare avanti quello che devo fare. L'unica cosa che al momento mi riesce bene è mangiare. Peccato che sia controproducente.

    RispondiElimina