martedì 27 ottobre 2015

I racconti fanno le magie in poco spazio.

Sto preparando un post in cui spiego come diventare la santona buddhista cazzomene che sono diventata (SPOILER: lasciatevi travolgere da un mare di vergogna verso voi stessi). Tuttavia l'impresa si sta rivelando più insidiosa del previsto, quindi allento la pressione parlando di una cosa di cui mi frega un sacco.


Abbiamo ricominciato a pubblicare roba bella e, nello specifico, - e senza usare troppe volte l'orribile roba - racconti, solo racconti, sempre racconti. Italiani, inglesi, spagnoli, probabilmente presto francesi, sicuramente bellissimi, perché siamo un nutrito gruppo di ragazzi e ragazze di bell'aspetto dotati di skills che includono il buon gusto letterario e la comprensione avanzata del testo. 
Oh, ci mettiamo davvero l'impegno a cercarli e a tradurli.


Tra l'altro, ho perso il conto di quante volte abbia dichiarato il mio amore - troppo recentemente sbocciato - per i racconti. I racconti sono comodi, i racconti sono perfetti, i racconti vi insegnano a leggere e a scrivere. Li leggete una due quarantanove sessante volte, in pausa pranzo, in autobus, li aprite, li scomponete, ci guardate dentro, li allontanate, fate gli occhi storti e provate a vedere che immagine si vede in trasparenza: i racconti fanno le magie in poco spazio. 
Ogni settimana sul sito di inutile vi regaliamo un racconto, e mi sembra una bella cosa. Autori che non trovate in libreria, o almeno non ancora. Autori che probabilmente non leggereste, perché nessuno li ha mai tradotti. Autori della vostra età. Non so voi, ma io muoio dalla voglia di sapere cosa scrive la gente della mia età, cioè cosa scrivono i diciottenni. Poi c'è la possibilità di abbonarsi, allora lì le meraviglie proprio.
Vi voglio bene, perciò ve lo ricordo. Vorrei che mi si ricordassero sempre cose del genere in segno di affetto.


Share This:    Facebook  Twitter  Google+

7 commenti:

  1. Non so perché, prima ancora di leggere questo post, pensavo di comprare un libro di racconti che si adatta bene a questa fase della mia vita in cui il tempo è limitato.
    Poi ti leggo e sorrido.
    PS: io Inutile ce l'ho tra i preferiti :)

    RispondiElimina
  2. Io non amo i racconti. Anzi, io i racconti li detesto proprio. Sono snob. E stronzi.
    Mi piacciono solo quelli di una/due pagine. Folgoranti.
    Per il resto ho bisogno di centinai di pagine.

    Ma a te ti voglio bene lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ESCI DA QUESTO CORPO!
      (No, non è vero, abbracciami <3)

      Elimina
  3. lo sto spizzando e adorando da un paio di giorni.
    (Come, tra l'altro, sto apprezzando parecchio un altro racconto su Minima et Moralia, brava!)

    RispondiElimina
  4. ...i racconti sono schizzi di autori, e quindi meritano...
    adepta inside

    RispondiElimina