martedì 28 luglio 2015

Directed by. #2


Steven Spielberg
Fritz Lang
Jane Campion
Alfred Hitchcock
M. Night Shyamalan
Lars Von Trier

Paolo Sorrentino
Molti rifiuti, molto onore, molte lacrime. Ho voglia di croissant, quelli veri parigini che sanno di burro ma non sono burrosi. Ernesto senza faccia mi dichiarò grande amore mentre mangiavamo croissant parigini. Molto amore, molto onore, molte lacrime.
Non pensavo che Spielberg fosse così borghesuccio, comunque. Lo credevo più alla mano, forse influenzata da una carriera basata sui ragazzini e sull'amicizia. Al telefono mi ha detto che ha l'agenda piena fino al 2038 e comunque non mangia sfogliatelle, ma solo roba senza glutine. Mi ha chiesto Le fanno le sfogliatelle gluten free?, con il labbro accartocciato dal disgusto che mi pareva di vederlo attraverso il telefono. Deve essersi sparsa la voce che porto le sfogliatelle. Tipo: la sua fama la precede, ma al posto della fama le sfogliatelle. Gli ho detto, Guarda che nel 2038 avrai  n o v a n t a d u e  anni, e spero di aver colpito almeno un pochino.
Non so come comportarmi, ho urlato a mamma cercando di sovrastare il rumore dell'aspirapolvere, Se anche Shalala mi ha detto di no forse devo riconsiderare tutta la questione del film. Appena pronuncio il nome del noto regista indiano, mamma spegne l'aspirapolvere con il piede e inizia a ridere e a rotolarsi sul tappeto ormai privo di acari. Lady in the water, dice mamma rotolandosi e tenendosi la pancia con le mani, Lady in the water le rispondo io, e mi getto sul tappeto a rotolare insieme a lei, come quell'episodio in cui i Simpson guardano il cartone animato giapponese che causa le crisi epilettiche. Ma senza epilessia, solo gran risate sulle ninfe acquatiche e tempo di qualità madre/figlia.


 Quando smettiamo di ridere mamma ritorna ad aspirare e urla Prova a mettere un annuncio su Subito: è difficile trovare peggio di Shalala, no? e ridiamo ancora qualche minuto rotolandoci sul tappeto con la forza aspiratrice che commenta musicalmente la scena, prima di tornare serie ai nostri compiti e alla mia infelicità. 

Cercasi regista per dirigere vita che frana a ponente e sfugge messa a fuoco. Richiesta attrezzatura professionale (no Samsung S3 con fotocamera 8mpx). Titolo preferenziale: essere stato premiato come miglior regia a un'edizione qualsiasi degli Academy Awards. Ma anche senza esperienza è ok.
Pagamento in denaro (poco), perché ho trentanni e mi hanno già pagato in visibilità. Inoltre vitto e alloggio e pranzi cucinati da mamma.

Sono piuttosto sicura che Steven abbia richiesto informazioni con un indirizzo mail anonimo - Il vitto è gluten free? - mentre Tarantino vuole sapere se la fotocamera del Samsung S5 può andar bene. Non gli rispondo neanche.
Prendo appuntamento con uno studente di cinema di San Francisco: ha una macchina professionale, compiti in classe e tesi. Tutto da filmare.
Infilo il cappotto e vado a San Francisco. Mamma sventola un fazzoletto bianco sul pianerottolo mentre aspetto l'ascensore.
Share This:    Facebook  Twitter  Google+

1 commento:

  1. non voglio infierire, però nella tua lista manca woody allen ;)

    RispondiElimina