venerdì 15 maggio 2015

Fingete un attacco di tosse e non rispondete.

Un pomeriggio avrei dovuto lavorare, invece stavo su Reddit a guardare le foto dei gattini e le gif degli skaters che si lanciano miserevolmente dai tetti. Quel pomeriggio incontro goldnx, un utente che pone questa domanda alla community di Reddit Books: 

This may not sound right but can you guys teach me how to read?

Frequenta l'ultimo anno di liceo e non sa come iniziare a leggere. Ovviamente sa leggere, ma non sa leggere la letteratura, non è capace di appassionarsi e la cosa gli sembra strana poiché è un appassionato di film, anime, videogames ma di libri proprio no. Tante persone si godono un buon libro e a goldnx gli brucia.
Avevo una certa quantità di tempo libero, quel pomeriggio in cui avrei dovuto lavorare, così mi chiesi chi fosse questo goldnx che voleva a tutti costi leggere la letteratura, e perché avesse chiesto aiuto su Reddit. E poi perché sentisse il desiderio di fare una cosa che, ovvio, non gli veniva bene, quando sicuramente Assassin's Creed gli dava un sacco di soddisfazioni (a me Assassin's Creed oltre che farmi divertire, fa credere di conoscere La Grande Storia e, quando succede, sono molto felice e la sera vado a dormire senza una preoccupazione al mondo). 
Perché goldnx non guarda i gattini come tutti?


La questione era diventata mostruosamente importante sul finire del pomeriggio, così pensai di mettere ordine tra le 27 risposte ricevute.
(Che poi, riflettiamoci: 27 risposte sono poche: uno sconosciuto e anonimo utente dell'internet ammette candidamente una sua mancanza, dando così la possibilità a milioni di conosciuti e anonimi utenti dell'internet di far sfoggio di cultura o presunta tale. E persino di fare presunto sfoggio, giacché io ora dirò di aver letto a 10 anni L'uomo senza qualità di Musil e voglio proprio vedere chi avrà il coraggio di contraddirmi.)
Dicevo, le 27 risposte.

Le dimensioni contano.
Le risposte che entrano a far parte di questa categoria consigliano a goldnx di andarci cauto con questi parallelepipedi di carta, le cui dimensioni spesso sfuggono al controllo degli addetti ai lavori fino a raggiungere proporzioni abominevoli che li rendono difficili da maneggiare. Va bene, leggi: ma limitati, per dio. Duecento pagine. In questa maniera il trip letterario di goldnx parte subito e non c'è da aspettare troppo per godere. Un utente propone la metafora sportiva: a quanto pare è questione di respiro e muscoli, esattamente come la corsa. Il modo corretto di affrontare la disciplina è partire lentamente, farsi il fiato, solo alla fine partecipare alla maratona, quindi ecco trovata la soluzione: partire da un racconto per poi arrivare a Guerra e pace.
Quale debba essere la starting line nessuno lo dice, come anche perché la finish line debba essere Guerra e pace. G&P ce l'ha più lungo di Infinite Jest e della Bibbia. E chi è pronto sulla linea di partenza? Carver, Hemingway, Sophie Kinsella?
È come se, all'amico che ti chiede da dove iniziare per imparare a degustare vini, rispondessi che va bene anche il Tavernello, ma giusto due dita, altrimenti si sbronza.

All that shit you read in highschool.
Un gruppetto di anarchici del libro consiglia a goldnx di ribellarsi al potere precostituito, agli insegnanti nazisti che impongono di leggere merda tipo Mary Shelley, Dickens e Hugo, roba lunghissima, verbosa e che fa venire il mal di testa. Pare che per alcuni il punto sia partire da quello che i nostri insegnanti amavano e fare il contrario. "Scegli esattamente l'opposto di quello che ti propinano a scuola. Qualcosa di estremamente commerciale e senza nessun valore" è il consiglio di uno di loro.
Una volta appurato che la via della salvezza è fare il contrario di quello che ci dicono a scuola, cosa sarebbe questo contrario? Chi è il contrario di Dickes? Cos'è l'opposto de I miserabili?
A liceo mi facero laggere tantissimo Pirandello, così tanto che finii per detestarlo. Cosa mi avrebbero consigliato di leggere gli anarchici di Reddit? Moccia? Volo? Ollednarip?


Che confusione, sarà perché sei confuso.
Panico e disperazione.
Nessuno ha detto a goldnx che se una storia funziona in una determinata forma di espressione artistica non significa che funzionerà in qualsiasi altra forma di espressione artistica. Eppure ognuna delle 27 risposte ricevute fa riferimento ad almeno due modalità espressive differenti, con il preciso intento di scambiarle. Un utente consiglia di leggere "qualsiasi libro abbia lo stesso titolo di un film, perché molti dei film più famosi sono tratti da libri".
Certo sarebbe meglio far presente a goldnx che, se gli è piaciuto Fight club di David Fincher è probabile che gli piaccia il libro di Palahniuk, ma non è matematico, giacché nel libro non ci sono né Brad Pitt né Ed Norton né la musica né le inquadrature e un film funziona soprattutto per queste cose, oltre che per la storia.
Nessuno ha detto che leggere un libro è sempre un rischio e, se piacerà, piacerà per le sue qualità specifiche e per nient'altro. Non c'è informazione che goldnx possa darci riguardo ai suoi gusti e alle sue abitudini che possa aiutarci nel consigliargli un libro. A me piace molto cucinare e mangiare, ma Estasi culinarie di Muriel Burbery è uno dei libri più brutti che ho letto.



I soccorritori di Reddit mi hanno invece insegnato una cosa che non sapevo nemmeno esistesse: la novelization dei videogiochi. Cioè: dato un videogioco, si presume l'esistenza di una pazza fanbase che acquisterà qualsiasi prodotto faccia riferimento all'universo del videogioco stesso, compreso il libro che dal videogioco deriva. Wikipedia mi rende edotta sulla questione. Scopro che tale S.D. Perry ha scritto una serie di romanzi tratti dai diversi capitoli di Resident Evil usciti nel corso degli anni (e che tale Keith R.A. De Candido è autore della stessa operazione ma partendo dai film del franchise). Lo stesso è accaduto con Mass Effect e probabilmente con molti altri titoli che non conosco.
Mi chiedo se sia una buona idea consigliare libri tratti dai videogiochi a un patito di videogiochi. Non so se questi romanzi abbiano un qualche valore (temo non mi immolerò per scoprirlo, sorry) ma, paragonandoli all'idea stessa di videogioco (e a ciò che rende l'esperienza di un videogiocatore appassionante) ci vedo la stessa differenza che passa tra trovarsi davanti 200gr di carbonara e la ricetta della carbonara scritta su un foglio: tutt'altro tipo di coinvolgimento, direi. Non vedo come la ricetta possa risultare allettante per uno che abitualmente ripulisce il piatto.  
Approfitto della confusione per accendere un cero anche alle graphic novel, proposte a goldnx come le sorelle sceme della letteratura seria. Libri for dummies. I libri con le figure.

Il Mago do Nascimento.
Si è sciolto il sale, goldnx? Che ti ha detto Mario Pacheco do Nascimento, il gentiluomo che si accompagnava a lady Wanna Marchi? Non è che per caso hai un qualche malocchio? Chi ti ha lanciato la jattura?
Qualcuno degli utenti accorsi in aiuto di goldnx potrebbe essere il Mago do Nascimento, o un suo emulatore, giacché con la sola imposizione delle mani sulla tastiera del pc diagnostica a goldnx un disturbo dell'attenzione e quindi sono presto spiegate tutte le sue difficoltà.
Anche frequentare un corso di lettura veloce sembra un buon rimedio. "A mia sorella è servito, ci metteva troppo a leggere e si annoiava". Esatto, i corsi di cui parlano i volantini abbandonati alle fermate dell'autobus.
In linea di massima se non si ha idea di cosa leggere conviene consultare il medico.

Social.
Un utente si dilunga nella descrizione delle meraviglie di Goodreads.
Goodreads è un sito dove puoi vedere cosa leggono i tuoi amici, cosa leggono gli sconosciuti, cosa c'è in cima alle classifiche stilate dai lettori che hanno l'account Goodreads e soprattutto, puoi collegare Goodreads a Facebook. Un utente racconta la sua esperienza con questo sito: partendo da Lo Hobbit (film) finisce per leggere la lista dei migliori fantasy di sempre e sente parlare di questo Il nome del vento, primo libro di una tale trilogia di un tale Patrick Rothfuss, che ha una media di voti di 4,55 che, a quanto pare è "pretty fucking high". Così un giorno, dopo la scuola, questo utente va in libreria compra Il nome del vento e torna a casa impaurito perché non ha mai letto un libro e non sa bene come fare. Così inizia a leggerlo (pare sia l'unico cosa da fare con un libro) e le parole gli sembrano messe insieme in maniera gradevole: piano piano riesce a visualizzare quello che le frasi tentano di descrivere e si appassiona talmente che quando è a scuola non vede l'ora di tornare a casa per vedere cosa succede, nonostante sia un tomone di 700 pagine.
Vado a farmi un giro su Goodreads, perché non lo conosco abbastanza. Non sto troppo a farla pesante sull'utilità di condividere a che pagina di un libro si è arrivati (Ah, 216? I'm impressed): piuttosto voglio capire se effettivamente possa essere d'aiuto a uno come goldnx. Di ogni libro c'è una sinossi, cenni sull'autore, parecchie recensioni che, non avevo dubbi, hanno tutti i problemi delle recensioni fatte dai lettori (mi colpisce particolarmente che de La strada di Cormac McCarthy un utente dica "This wasn't nearly as funny as everybody says it is" e, sì insomma, vorrei conoscerechi gliel'ha detto che era funny).



Ci sono le sezioni Trivia e Quotes con i loro giocherelli piuttosto innocui, poi giungo nel regno fantastico di Listopia. Su Goodreads si possono creare liste basandosi su qualsiasi criterio. Qualsiasi. Ad esempio Best Crochet books for a biginner. Ma voglio stare leggera e mi soffermo su quelle generiche, qualcosa tipo i Greatest hits di ogni secolo e i libri da leggere almeno una volta nella vita: credo che avendo i problemi di goldnx andrei per questi sentieri.
Ovviamente è opinabile che tra i migliori libri del XX secolo Harry Potter e la pietra filosofale sia prima de Il buio oltre la siepe, ma insomma, stiamo a fare gli intellettuali.
Allo stesso modo, tra i migliori libri del XXI secolo non posso non notare che nelle prime 50 posizioni ben 33 siano occupate da libri che sono poi diventati, se ci è andata bene film, se ci è andata male film brutti, se ci è andata peggio franchise milionari per ragazzini.
Il primo Harry Potter è anche al terzo posto dei libri da leggere almeno una volta nella vita, dopo 1984. Scrollo la pagina, mi fermo a caso: all 33° posto Il prigioniero di Azkaban, al 34° Amleto.
Nonostante questo finisco per non vederci nulla di male: se spremi a fondo, il succo è lo stesso che guardare i dorsi in libreria o in un ebook store, leggere la quarta di copertina e scegliere qualcosa a naso. Magari senza fidarsi troppo delle recensioni e delle stelline, vedendo un po' quello che incuriosisce su due piedi. L'esperienza dell'utente mi sembra sana, al di là del libro scelto. Peccato sia lo stesso che definiva merda i classici proposti in lettura a scuola: spero che goldnx sappia farsi delle idee più miti.

Nonostante goldnx prometta di dare una chance a ogni consiglio, io dico che il suo tentativo è stato un grande fail.
Si fanno un sacco di danni a consigliare un libro ed è bassissima la percentuale di fare cosa giusta. Ed è per questo che normalmente preferisco fingere un attacco di tosse e non rispondere.

Fai tu *coff coff*. Fai tu.  


[Se non ci credete, trovate goldnx qui]





Share This:    Facebook  Twitter  Google+

4 commenti:

  1. Premesso che Reddit non lo cagavo molto ti avviso, qui, che è probabile che nelle prossime ore io ne diventi dipendenti. A causa tua.
    Cosa consigliare al giovane goldnx? Di scappare il più lontano possibile dai consigli.
    La sua è una di quelle domande che mai ti porresti nella vita e quando una persona la formula la cosa più saggia da fare e dirgli di tornare a fare quel che stava facendo.

    (Bella la nuova grafica) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa per Reddit, non lo faccio più <3

      (Una delle pochissime volte che mi è andata bene con un consiglio è stato quando mi hai consigliato Hotel new Hampshire, teloggiuro.)

      Elimina
    2. Ci credo. Solo un folle non potrebbe amare quel libro! <3

      Elimina
  2. Suggerire un libro ad un lettore assiduo è difficile ma fattibile, si può sempre chiedere cosa ha letto e indagare un po' (cosa è piaciuto di un libro? Cosa invece no?). Ma suggerire un libro, o anche un racconto, a chi leggere fondamentalmente non piace, mi sembra impossibile e mi genera un'ansia incredibile...
    Ora vado a vedere quel sito, non lo conoscevo!

    Ciao :)

    RispondiElimina