mercoledì 5 novembre 2014

Birthday sadness #30.

Non credo che mi imbatterò in uno di quei cambiamenti traumatici come quando non mi è stato più possibile entrare gratuitamente nei musei - ecco, il  >26 ha certamente avuto conseguenze pratiche peggiori.
Anzi non credo mi imbatterò in nessun cambiamento, alla fine si scherza - la mia migliore amica ha partorito 2 giorni fa in una data assolutamente non significativa per nessuna delle due, eppure è un cambiamento con i controcazzi tipo guerra termonucleare globale.
Il perché mi capiti di pensare tanto ai compleanni - al mio, ai vostri, a quelli di tutti - sta in precario equilibrio tra quando Madre organizzava delle feste superbe in stile Giochi senza frontiere ma il 6 novembre pioveva sempre, e piangevo tutto il pomeriggio già vittima di ansie sociali, invece poi i miei amici venivano tutti, e si portavano anche i fratellini più grandi e più piccoli, ed era un gran casino bellissimo - tra questo, dicevo - e quando hai l'età per fare la conta - morti, feriti, mutilati, sopravvissuti - di quello che hai fatto e quello che non hai fatto, o quello che ti dicono che dovresti aver fatto e non hai fatto, o quello che solo tu sai che avresti voluto fare e invece niente. Quindi ancora ansie sociali o forse da prestazione, che bello le si può avere anche senza essere pene-muniti.

Comunque alla fine chi se ne frega se ci sono stati i geni e i bambini prodigio, non mi importa che DFW abbia scritto La scopa del sistema a 25 anni - forse un pochino, solo un pochino.
Pare che, in generale, qualcosa di buono nella vita sia stata capace di metterla insieme, nonostante tutto. 
Una preghiera però. Almeno domani, non fatemi incazzare.

Credits.




Share This:    Facebook  Twitter  Google+

3 commenti:

  1. Più passano gli anni più ti accorgi che, in fin dei conti, un cambio di cifra non conta niente. Diventi quasi saggia (o nostalgica) e ti rendi conto di come si sta meglio adesso, a trent'anni, di dieci-quindici anni fa. Goditeli. <3

    RispondiElimina
  2. Ciao,
    non so con chi di recente parlavo di compleanni..ah si con me.
    Mi sono reso conto che l'unica persona che mai mi ha fatto gli auguri (chiaramente tra quelli che conosco) son proprio io.
    Perché non ci facciamo gli auguri se spesso invece approfittiamo di quella data per farci i regali da soli?

    RispondiElimina
  3. Che bello il titolo del tuo blog, penso che spesso le cose che non esistono siano le migliori...
    Purtroppo devo dirti che sono negata per i compleanni e ricorrenze varie , devo segnare tutto e spesso non leggo e quindi le scordo e si ricomincia da zero.
    Eppure nel mio lavoro sono organizzata, santa pacee in certe cose ..il buio assouluto.
    Blog interessante e intelligente, spesso a girovagare nell'etere si hanno sorprese incantevoli.
    Mi sono iscritta e spero con piacere tu voglia ricambiare..
    Una buona serata e u abbraccio!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina