Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2014

You dance like Zizi Jeanmaire.

Non so esattamente come comportarmi, nello specifico non so decidermi tra le seguenti opzioni:
piangere molto per essere tornata da Parigipiangere molto perché lunedì si torna a lavorarepiangere molto perché questa estate non ho fatto niente di ciò che mi ero promessa di fare - scrivere meglio, leggere di più, scrivere di più e leggere meglio, fare ogni cosa senza macchia e senza paura. Ebbene, scelgo di non scegliere, continuo a sorseggiare uno dei molteplici costosissimi tè acquistati nella capitale francese - dolcificato con miele e aloe vera diomio - nella speranza che, come acido muriatico, sciolga il colesterolo che mi si è accumulato nelle vene a botte di croissant.

Procediamo con ordine.

You live in a fancy apartment of the boulevard of St. Michel. (X)
Parigi è una cazzo di malattia. Scusate se guardo solo serie tv americane e se il cinema francese non mi garba più di tanto, ma Parigi è lo stesso una cazzo di malattia, è più bella e moralmente più giusta di tutte le città che ho…

Quella volta che non ho scritto per Rolling Stone.

L'epifania di questo pomeriggio è che non sarò mai corrispondente non-professionista di Rolling Stone al seguito di un candidato repubblicano durante la campagna elettorale del 2000 o di qualsiasi altro anno del Signore. Peccato. 


Mi sembra un grandissimo spreco, non tanto perché avrei qualcosa da dire al riguardo - non lo avrei -, non tanto perché priverei il pubblico delle mie sagaci considerazioni sulla stramba umanità che esegue strambi lavori intorno a uno strambo individuo - non esiste il pubblico suddetto - ma quanto perché sarebbe figo per me e basta. Peccato per me, esatto. E non ci sto, signori. Quindi la decisione di questo pomeriggio è che mi scelgo come inviata. Ho passato alcuni giorni al seguito della Mia Famiglia e ve li racconto.


In certi giorni in particolare potreste avere la sensazione che il nucleo tematico intorno a cui ruotano gli sforzi intellettivi della Madre, della Grande e della Piccola sia il possedere o meno una macchina tritaghiaccio. Non vi sbaglie…