Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2014

L'equipaggio della Nostromo.

Oh, beh, insomma. Rannicchiata sul letto alle 21:23 a chiedermi se questo sia un attacco di panico. Non credo. Ho solo qualche problema alla gola - che pare essersi ristretta - e alle narici - aride come i deserti arancioni e rocciosi nelle foto del National Geographic. Riarse e spaccate. È un problema di collegamenti, a bene vedere: naso - gola. Ci pensate mai che siamo un ammasso di tubi come la Nostromo di Alien, un groviglio che ti fotte perché lo xenomorfo sembra proprio un groviglio di tubi? Ma cosa ne poteva sapere la Compagnia che ha progettato la nave cargo? Okay, però intanto l'equipaggio della Nostromo -  Dallas, Parker, Ash, Lambert, Brett, Kane - è schiattato per via di questa somiglianza. Un ammasso di tubi, dicevo. Naso e gola - e orecchie, se aspiriamo a un minimo di accuratezza scientifica - sono dei tubi collegati. Eww.

Controllo su Wikipedia i sintomi dell'attacco di panico. Torno subito.
Allora. Tremori fini o a grandi scosse Dolore o fastidio al petto Sudor…

Un esercizio di visualizzazione.

L'estate si preannuncia piuttosto polverosa, lo sento dalle narici aride, come se avessimo aggiunto un po' di grain all'atmosfera con Photoshop. Pietruzze e polverine nell'aria. Ci tengo a che mi visualizziate bene: al tavolo del salotto, con la faccia rivolta alla finestra, il portatile sul suo cheapissimo supporto Ikea, una luce arancione proprio negli occhi, e i Mumford che spargono ceneri e giri di banjo nel vento mentre i ragazzini giocano a calcio nei campetti di fronte casa e bestemmiano.  Non me lo ricordo un periodo così ricco di alti e bassi - ricco poi, che ricchezza sarebbe? Non me lo ricordo un periodo così pieno di alti e bassi. Pieno va bene perché non sono proprio afflitta da nessun tipo di horror vacui e pieno non ha nessuna connotazione positiva, per quanto mi riguarda. Nessuna. Mi ricordo certo l'insospettabile forza mostrata quasi otto anni fa, quando iniziai a scrivere la tesi di laurea senza pc, su una sedia di velluto sfondata che puzzava di…