lunedì 3 marzo 2014

52 Weeks Mix Project #9

Pensate la serenità:

scrivo tutto il post e poi il telefono va in palla e perdo ogni cosa.

Parlavo del fatto che dovremmo stare zitti più spesso in modo da non rovinare le parole che, di per sé, non hanno colpa però finiamo per odiarle.
Parlavo di alcune cose che mi danno fastidio tra cui: chi non mangia di gusto e chi mangia di gusto un piatto a base di pesce nelle mie immediate vicinanze.
Parlavo del fatto che i libri brutti non si devono finire per forza: io li voglio sempre concludere perché devo capire, devo eccellere e invece è una stronzata che fa perdere tanto buon tempo. Dicevo che anche i libri ben fatti possono avere una loro strana bruttezza, come una ragazza un po' strabica. E però non ti interessa andare avanti nella lettura o nella conoscenza.
(Parlavo di Addio, Monti di Michele Masneri).
Poi parlavo della bella Ade che mi ha taggato per il Liebster "cazzi vari" Award.
Le rispondevo:
La prima cosa che faccio al mattino è controllare l'ora e bestemmiare forte, tipo saluto al dio Sole.
Scrivo perché non so parlare.Sembrerebbe 'na cazzata e invece è proprio così.
Sorrido circa un milione di volte al giorno davanti all'assurdità della vita.
Di me cambierei la timidezza e il non volermi mai mettere in gioco.
E le cosce.
Amo un sacco pochissime persone.
Abbraccio un sacco quelle pochissime persone.
Magical mistery tour dei Beatles mi fa sempre sorridere e saltellare.
Mollerei tutto dopodomani se potessi portarmi dietro L'Architetto e Madre.
Istinto o ragione? Pizza.
Odio qualcuno ma questo nei fatti non porta a niente.

Poi parlavo anche di questa fissazione per Les Miserables che, a un anno di distanza ancora non passa. Ho visto il concertone per il 25esimo anniversario del Musical. Ventimila persone piangevano come me.
Sono emotivamente da buttare.
Mi butto con Javert.

Scrivevo queste cose, more or less. Ma si è cancellato tutto.
Ah, devo comprare anche un lettore mp3 nuovo. Il mio l'ho annientato con una furbissima mossa alla Bill Gates: ora non esiste più come lettore. Non è nemmeno una penna usb. Non è che un pezzo di plastica.
Consigli bene accetti.
No iPod.

Passo e chiudo.

Share This:    Facebook  Twitter  Google+

6 commenti:

  1. A volte che certe cose si scrivono si cancellino non è male se poi quello che ne esce è 'na roba come questa <3

    RispondiElimina
  2. L'odio profondo in questi casi, a me succede sempre quando scrivo un commento lunghissimo ed articolato a un post o su facebook, e poi bam, per qualche assurda ragione va tutto a puttane e finisco per scrivere "bananabananapatata".
    Però a te è venuto fuori comunque un bel post, hai avuto pazienza ;)

    RispondiElimina
  3. @Mareva @MechanicalRose

    Ero seduta su un muretto assieme a un gruppo di anziani. Cercavamo di riscaldarci un poco al sole.
    Ecco come ho scritto :D
    (Mi avranno trasmesso la loro pazienza)

    RispondiElimina
  4. @Mareva @MechanicalRose

    Ero seduta su un muretto assieme a un gruppo di anziani. Cercavamo di riscaldarci un poco al sole.
    Ecco come ho scritto :D
    (Mi avranno trasmesso la loro pazienza)

    RispondiElimina
  5. Premio per te sul mio blog! :-)

    RispondiElimina
  6. Il mio mp4 l'ho distrutto pensando bene di lavarlo in lavatrice.
    Anch'io voglio consigli.

    E quella dei libri brutti che leggiamo fino alla fine la faccio anch'io. La verità è che spero che all'ultimo possa diventare bello. Ma a volte succede, a volte no.

    RispondiElimina