Passa ai contenuti principali

52 Weeks Mix Project #12

1. 2. Boh.
Temo ogni volta di non riuscire ad arrivare al mercoledì che, in qualche modo rappresenta la discesa nella mia settimana. Io il mercoledì mi sento tipo sulla bici. Il mercoledì è così ripido che alzo i pedi e i pedali vanno da soli.

3. La citazione.
Noi stiamo volando opra una palla di fuoco. La parte che s'è raffreddata galleggia sulla lava. Su questa parte costruiamo i palazzi, i ponti e le strade. Ogni tanto la lava esce dal Vesuvio oppure fa venire un terremoto che distrugge tutto.
Elena Ferrante - L'amica geniale

4. Red Velvet rosso sangue.
Io e Capa (cioè la persona più lontana dal mio modo di essere tra tutte quelle che abitano il pianeta e le galassie lontane) siamo andate a decorare una mini red velvet da Dalila Duello, una cake designer napoletana che forse avrete visto decorare torte da quell'incapace di Benedetta Parodi.
Immaginate la sala eventi di una grande Feltrinelli piena di signore e signorine con la philadelphia al posto del sangue.
Io ero seduta tra Capa, che continuava a blaterare di ogni aspetto insignificante della sua importantissima esistenza, e la sosia ufficiale di Marina Ripa di Meana che, da dietro i suoi enormi occhiali da sole, guardava impaurita la sac a poche chiedendomi in quale orifizio fosse opportuno infilarla. Un paio di tavoli più in là c'era anche un tipo che vedo spesso in giro per la città: il sosia ufficiale di DFW, con bandana, occhiali tondi e tutto il resto. Una volta, alla fermata del pullman, tentava di prendere appuntamento per la serata con quella che, sospetto, fosse una prostituta che aveva appena finito il turno.
Qualche napoletano tra i lettori lo conosce? E' un bel tipo. Soprattutto se te lo ritrovi a modellare cuoricini con la pasta di zucchero.
Anyway, a me la decorazione non è mai interessata perché le torte che cucino sono buonissime e tanto basta, ma mi è venuta benissimo lo stesso, perché eccello in tutti i campi della vita.


5. Libri.
Ho questo fastidio fisico datomi dal fatto che Blogger (la app di blogger, precisamente) ha pensato bene di cancellare a mia insaputa la pagina delle letture. Non ho segnato su carta quello che ho letto, ho una pessima memoria per i libri
Dove siete andati a finire, miei piccoli adorati? E' buio lì?
Ora leggo L'amica geniale di Elena Ferrante: interessa a qualcuno? Me lo ricorderò tra un mese? Dovrei prendere appunti?
Sono piena d'ansia di fornte all'oggetto che mi è più familiare in assoluto. Temo sia la pressante questione della mancanza di tempo.

 6. Il film.
Her di Spike Jonze.
Non credo abbiate bisogno del mio intervento per avere informazioni su questa storia (vincitrice dell'Oscar come miglior sceneggiatura originale). Io posso solo dire di essere molto sensibile a cose come le coperte che si intonano al colore dei capelli e degli occhi di chi ci si stende sopra, o al Pantone come entità divina che ci guiderà verso la bellezza di un mondo fatto di colori tenui.





7. Ritorniamo sempre lì.
Ogni volta che vedo un bel film, o guardo un buon telefilm, o sento una bella canzone, mi viene voglia di scrivere, di riordinare tutto.

Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.