Passa ai contenuti principali

52 Weeks Mix Project #7

1. Il metodo non è il contenuto.
Mi trovo troppo spesso ad avere a che fare con i teorici. Quelli che indicono il briefing e parlano per ore di come fare qualcosa e poi non rimane più il tempo per farla. Il metodo è un dannatissimo ostacolo se non sei padrone di quello che fai e degli obiettivi da raggiungere.
Cerco sempre di provare, senza parlare troppo.
Però oggi è lunedì e mi perdo nel labirinto del come - come scrivere una certa cosa, come aiutare me stessa a farlo, aiutarmi nel darmi un aiuto, una copia di una copia di una copia. So che si tratta solo di forma, niente a che vedere con il significato e il suo valore, mi è di un certo sollievo sapere di potermi aggrappare a una specie di folletto chiarificatore.

2. Perché niente sia lasciato a metà.
Ho comprato dei quaderni bellissimi e ho recuperato una scatola di pastelli - sapevano di scuola elementare che, signori miei, ho iniziato a frequentare più di 20 anni fa. Mi sono messa a scrivere senza tanti ragionamente, piuttosto per un senso di rispetto verso qualcosa che, bello o no, in ogni caso era mio.
[I pastelli mettono addosso una fottuta allegria]

3. La citazione.

Superzelda

4. Origami connection
Due approcci molto diversi.
Il primo: una vergognosa mancanza di senso del ridicolo, amor proprio e orgoglio. L'incapacità di cogliere il momento in cui non stai più semplicemente facendo il tuo lavoro o salvaguardando i tuoi interessi ma solo dando sfoggio della tua povertà intellettuale.
Il secondo: imparare cose nuove per generare nuove idee. Mettete due che camminano per la strada e immaginano la maniera più giusta per trovarsi un posto legittimo e accogliente dove accomodarsi e fare bene.

5. <3


6. La canzone.


[Vivo con una donna che ha ascoltato De Andrè e De Gregori per tutta la vita e non li ho amati per questo. L'ho sentita oggi per la prima volta. Non so nemmeno se ci siano sul serio i riferimenti religiosi che ci leggo. Non so un cazzo, però mi piace.]

7. Il film.
Gosford park (2001) di Robert Altman.
Ora, non devo certo arrivare io a dirvi che Altman è figo.
Qui ci sono gli anni '30, le donne sembrano tutte un mix tra la Garbo e la Dietrich, Maggie Smith è tipo una dea scesa in terra, tranquillissima con il suo diadema, e tutti hanno una cameriera personale o un valletto, usanza che mi sembra una barbarie aver abolito.
Poi ci sono un po' di Boardwalk Empire (Kelly MacDonald) e un po' di Game of thrones (Charles Dance) e insomma, lo sapete che queste cose mi fanno andare in loop tipo Matrix.



dontbesodroopy.tumblr.com

julisa.tumblr.com

lottereinigerforever.tumblr.com

Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.