52 Weeks Mix Project.

[Facciamo che oggi qui è tipo un salotto e parlo con voi dei recenti accadimenti sui vostri blog?]

Amici, io vi invidio un casino.
Soprattutto la bella Mareva, la bella Nadia, la bella MechanicalRose, la bella Pretty in Mad. Voi con le vostre stupende macchine fotografiche e la dialettica sciolta e la disciplina di un vietcong.
Io AMO i vostri progetti 365 giorni, 52 settimane, 8760 ore.
Il 31 dicembre 2014 vorrei poter riguardare indietro ai giorni trascorsi e, ubriaca persa, avere il tempo di dire un attimo prima di vomitare, Che anno figo ho passato, ecco qui le prove in bella grafia! BLUURP!

Non ci riuscirò mai.

Non ho tempo, con i miei orari da mondina, e stento a liberarmi di quello stupido condizionamento chiamato ispirazione che, ormai lo so, non esiste, me lo ha insegnato Hemingway.
Siedi alla scrivania e fatti il culo, mi pare abbia scritto da qualche parte.
Ogni volta vorrei mettermi a scrivere guidata dalla mano divina e indossando la tunica che meglio si intona al verde dei miei occhi.

Donna barbuta etc etc.

Ma figuriamoci.
Tutto questo per dire che dovrò pur fare qualcosa della mia Moleskine da 17 euro, oltre a segnarci sopra il ciclo.

Diciamo che, tra un post stupido, uno deprimente, uno pretenzioso, mischierò i vostri fighissimi progetti e farò un progetto scrauso tutto mio, irregolare e senza belle foto, ché non son capace.
Un 365 day project alla vecchia maniera (su carta) che diventa un 52 weeks project sul blog.

Tema conduttore?
Boh.
Quello che mi viene. Magari prendo ispirazione da voi. Ispirazione, again, che palle.
Magari strada facendo trova la sua regolarità.
E a dimostrazione di questo la prima settimana di gennaio è saltata, perché la Moleskine sono riuscita a prenderla solo ieri.

Ma mi adorate proprio per questo, vero? VERO?

Se anche non fosse così, non ditemelo, non fatemi piangere. Ce la sto mettendo tutta.