domenica 12 gennaio 2014

52 Weeks Mix Project #2

Si inizia, dunque, questa settimana? Si inizia.



1. La canzone.


Augustines - Nothing To Lose But Your Head on MUZU.TV.

Io tenderei a prentendere grandi cose dall'album di prossima uscita, ma solo perché voglio vedere il bicchiere mezzo pieno e credo negli arcobaleni e nei gesti spontanei di gentilezza.

2. La citazione.
"Dicono che il seme di ciò che faremo è in noi tutti, ma a me è sempre sembrato che in coloro che affrontano la vita scherzando quel seme sia coperto da un humus più ricco e da un letame di migliore qualità".
Ernest Hemingway - Festa mobile


Mi piace la gente piena di merda buona, per coltivare campi e piantagioni di banane.

3. Non succede niente per voi, per me qualcosa.
E' meglio che non dica proprio a tutti cosa mi fa davvero paura perché posso affermare, con una certa antipatia e sicurezza, che non fa paura a nessun altro. Questo mi rende Sua Altezza La Regina dei Disadattati. Qualche volta mi va bene. Tipo: la mattina vado in ufficio accendo il computer, mi sistema bella dritta sulla sedia e sul monitor appare qualche prova che le paura passano.

4. Un lupo di mare.
Un lupo di mare bussa alla porta e caccia via la stanchezza e il sonno e la vista offuscata dalla luce dei neon e basta parlare pochi minuti nell'aria umida di un giardino tropicale, in pieno rigoglio fuori stagione.
(E' il 9 gennaio. E' anche l'anniversario del blog. 2 anni qui che non mi sembrano buttati via, soprattutto grazie a voi che leggete. Grazie quindi).

5. Dicono di me.
                "No, davvero. Il tuo più grande pregio è l'innata aggressività".
 Il Capo


 
6. Il film.
Consiglio alle lavoratrici indefesse, che la sera arrivano a casa forti e vigorose come meduse sul bagnasciuga, la visione di qualsiasi cosa passi in tv. Se in tv passa (500) giorni insieme però no, ché pochi film mi lasciano indifferente per quanto sono insipidi e mi indispongono per quanto sono insipidi. Tutto insieme. Tutto in un frullato di coglioni che esplode.
La effe o Rai5, non ricordo, ha passato questo Bright Star di Jane Campion, sugli ultimi anni di vita di Keats e sull'amore con Fanny Brawne. 
E' come scrollare all'infinito un Tumblr pieno di tende sospinte dal vento, turbini di pulviscolo nell'aria e primissimi piani.

volchitza.tumblr.com

wearyvoices.tumblr.com

nioletpoirein.tumblr.com

i-mumble-loudy.tumblr.com

anamorphosis-and-isolate.tumblr.com

Dobbiamo fare le femmine sentimentali? Con classe, per Dio.

7. Vintage fangirl.
Madre mi ha raccontato che quando nel 1958 trasmisero in tv Capitan Fracassa tutte le ragazzine, lei compresa, si innamorarono di Arnoldo Foà che era, sì bruttarello, ma portatore di una voce bellissima.
Madre è piena di storie pop del genere.

beyonsayitaintso.tumblr.com
Share This:    Facebook  Twitter  Google+

12 commenti:

  1. Il "dicono di me" è una perla meravigliosa.
    Il punto numero 6 mi ha fatta uscire un "finalmente".
    Il punto numero 7 mi ha fatto pensare a quanto spesso snobbiamo i genitori e quanti tesori, invece, nascondano.

    E poi c'è Hemingway. Ma lui è un altro discorso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ti capita un genitore figo sei a cavallo.

      (Non mi pentirò mai abbastanza di aver iniziato a leggere Ernest tardi).

      Elimina
    2. Quando ti capita un genitore figo sei a cavallo.

      (Non mi pentirò mai abbastanza di aver iniziato a leggere Ernest tardi).

      Elimina
  2. che figata la storia di madre!
    E anche a me è capitato sotto il telecomando 500 giorni insieme questa settimana... l'ho snobbato alla grande, concordo sull'insipidità -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiediamo a gran voce criterio e buon gusto anche nelle commedie romantiche.

      Elimina
  3. è vero, 500 giorni di summer o come cavolo si chiama è sopravalutatissimo e il protagonista c'ha la faccia da tartaruga. Bight Star è l'ammore, ma non sono oggettiva perché adoro keats.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa te che non l'avevo mai visto. Per me Jane Campion era quella di Lezioni di piano e stop.

      Non guarderò più J.G. Levitt nello stesso modo.

      Elimina
  4. Bellissima la reinterpretazione della cit. di Hemingway :3 E tanti auguri per il blog, decisamente non sono stati anni sprecati!! ;)

    RispondiElimina
  5. Ma quante cose belle ci dicono i nostri capi? .)
    Auguri per il blog! :D

    RispondiElimina