Cinque minuti/2

Stamattina l'uomo del bluetooh mi ha parlato, tra una telefonata e l'altra.

"È già passato il 178?"
"No".

E basta. Poi il 178 è apparso in lontananza e non appena, fermo in mezzo al traffico, non è stato che a 5 metri da noi che aspettavamo, l'uomo del bluetooth ha fermato un taxi, e ci è salito su, ed è sparito nell'orizzonte.

Allora una signora con le labbra screpolate mi si è avvicinata.
"Uh gesù, è arrivato il pullman giusto e quello ha preso il tassì!"
"Avrà avuto fretta".
Non era convinta. Mi si è avvicinata un po' di più.
"Ma lo sapete no, che non parla veramente a telefono? Ve ne siete accorta che parla da solo?"
"Non è un segreto, signora, è abbastanza evidente".
"Signuri' quello lavora alla RAI".
"..."
"Signuri' ve lo giuro. Andai a trovare una mia parente alla RAI di fuorigrotta. Stava lì con la pipa. Chiesi allora a questo mio parente cosa ci facesse lì. Mi rispose che era una figura importante. Ricopriva un ruolo dirigenziale!"
"Addirittura".
"Giuro sull'anima di mamma mia, santissima donna".
"Magari ora è in pensione".
"Non penso, signuri'. Secondo me lavora ancora là e, infatti, i programmi RAI fann' propr' schif' ".

Intanto siamo salite sul pullman, e siamo arrivate a destinazione, e io l'ho salutata, e ho iniziato la mia giornata.