Passa ai contenuti principali

Il tutoraggio come esperienza religiosa.

Perché poi, in fondo, essere giovani laureate/i è un po' come essere cristiani.
Vivi una vita in terra di sofferenze, sperando che ci sia qualcosa di bello dopo, giacché tutti si affannano a convincerti che questo qualcosa esiste, anche se tu saresti tentato di pensare il contrario.

Nel loro caso DIO, nel mio caso I SOLDI.

E' ovvio che non sto parlando dei veri neo-laureati, quelli che sono usciti ieri dall'università e credono che ogni azienda farà a pugni per assumerli. No, no. Se vi promettono soldi - promettono eh, non danno - siete già a un livello abbastanza avanzato: (quasi non più) neo-laureati con un curriculum pompato come Jack di Uomini e Donne, pieno di parole come problem solving e team building. In altre parole, siete dei disoccupati PRO e i vostri potenziali datori di lavoro sanno che la parola soldi ve la devono almeno dire, perché lo scoglionamento è ormai avanzatissimo e, chiedervi di stare dietro a loro a guardarli cazzeggiare per l'ufficio spacciandola per esperienza professionale e personale, è fuori discussione.

Arrivo al punto: mi hanno chiesto di fare una cosa promettendomi soldi come agli altri promettono il paradiso.
(Il titolo ve lo aveva già preannunciato, non potete davvero aver pensato a qualcosa di sessuale - io le cose sessuali le faccio gratis e solo con l'Architetto, e se non ho capito nulla della vita non fa niente, m'arrangio).
Io per dieci giorni sono la tutor di un master post laurea.

REQUISITI FONDAMENTALI PER ESSERE UNA TUTOR
  • Non avere alcuna velleità di insegnamento
  • Non aver accumulato una esperienza professionale maggiore di quella dei tuoi allievi
  • Non avere tanta voglia di integrarsi nel gruppo
  • Non essere in grado di dire due parole in maniera spigliata.

SONO UNA TUTOR PERFETTA.

Si tratta di scartoffie, per lo più, e di smanettare al pc con Photoshop - due cose che mi riescono facili.
Il mio gruppo è produttivo, autonomo e non rompe le palle, e per questo gli sarò sempre riconoscente. Inoltre una delle ragazze mi ha offerto il caffè, quindi boh, non c'è altro da dire.
Una delle mansioni di cui mi preme parlarvi è però quella che consiste nel sedare i catfight.
Sì, amici.
Un catfight della vita vera.
Ragazze che vogliono picchiarsi e tirarsi i capelli urlando "puttanastronzapescivendola"

Catfight vintage.
Non si tratta della mia classe, ovviamente, ma di quella che lavora nella stanza accanto. Tutto perché quella che, per comodità, chiameremo Cretina #1 non ha accettato che Cretina #2 avesse la sua opinione da esprimere riguardo a un articolo di giornale scritto dalla Cretina #1. 
Una trama intensissima e dal forte potenziale drammatico.
Questo articolo di giornale era sbagliato in tutti i modi in cui un articolo di giornale può risultare sbagliato, soprattutto considerato che queste persone vorrebbero fare i giornalisti. Io e Tutor #2 cercavamo di farglielo capire, ma niente: le nostre parole si sono perse al vento quando il primo round ha avuto inizio. I denti hanno iniziato a volare e schizzi di sangue a macchiare i vetri delle finestre, come nemmeno in una puntata de L'uomo tigre.


Io ho urlato più di loro, Tutor #2 ha urlato più di loro, i prof non c'hanno capito un cazzo e Cretina #1 è andata via sbattendo i piedi, la porta e una mazza chiodata sulle palle dei presenti.

L'ho già detto che è cretina?

E' stato emozionate, però. Un picco adrenalinico piacevolissimo.
Ma si sa, il vero tutor si vede nel momento del pericolo.

Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.