Mire espansionistiche.

Pare che non ne abbia abbastanza.
Pare che voglia invadere la Polonia.
Pare che si possano leggere le mie fantasie cinematografiche qui, qualcosa di un po' diverso da quello scrivo qui.
Magari vi va di leggerle, o di iscrivervi al sito e mettere stelline, o di linkarle in giro e prendervi gioco di me, ridendo e tenendovi la pancia con le mani.
Vi vorrò bene in ogni caso.

(Ho lasciato il mio psicoterapeuta. Quello precedente mi aveva chiesto di fare un bagno nella realtà, trovarmi un lavoro vero, smettere di guardare così tanti film, finirla di parlare con Marlene Dietrich così come Woody Allen parlava con Bogart, piantarla di scrivere di mondi perfetti e vivere almeno un poco. Era evidentemente un incompetente. Adesso mi curo da sola con la Cineterapia - l'ho sempre fatto -, perché credo veramente che il film giusto possa curare tutto. E anche perché ho paura di prendere le medicine.)