venerdì 22 marzo 2013

Persino molto più che belle.

Una certa fatica ad alzarsi dal letto la mattina. Una certa fatica a guardare le doghe del letto a castello (io il soffitto non ho il privilegio di vederlo), e risolvere il problema Cosa fare di questa giornata. Una certa fatica a fare colazione (e mi forzo anche se non ho fame, perché la colazione è il mio pasto preferito e saltarlo non mi pare il caso, e ingoio tè, cappuccini, fette di torta, una dopo l'altra, ché la vita è dolce).
Una certa fatica a capire la gente e a gestire i rifiuti, e i sottili rifiuti, e i sottilissimi rifiuti.
Un sacco di ansia a disposizione. A pacchi. La incartiamo e la spediamo worldwide. Spese di trasporto gratuite se, da uno a dieci, siete ansiosi a livello Lexotan, ma siete troppo ansiosi e avete paura di prenderlo.

-Dovresti distrarti.
-Ma da che cosa, se non faccio niente tutto il giorno?

Uno si distrae da qualcosa. La gente non lo sa? Io sono nata distratta.

Passo la vita al setaccio e cade tutto nel cesso, solo qualcosa è trattenuto dalle maglie fittissime.
Tipo fare tre dolci in una settimana, per non sprecare una bottiglia di succo di carota che odora di morte e disperazione e che è costatasolo tre euro, ma noi quei tre euro non li vogliamo sprecare. 
Organizzare con Sorella, su WhatsApp, un acquistone online di t-shirt su Threadless (indicatomi da quella figa di Mareva, con cui presto convolerò a nozze).
Fare la cretina con la Genitrice, a livello che cantiamo il Valjean's Soliloquy e poi strappiamo un tovagliolo di carta e lo lanciamo per aria. Noi siamo come il concentrato di pomodoro, solo di stupidità.
O i libri che leggo fino a notte fonda e le canzoni che mi fanno piangere, tipo Heroes di Bowie che, un anno fa, mi ha aiutato a creare una cosa bella e adesso niente, la magia non la fa più. Ma non fa niente, io a Bowie ci voglio bene lo stesso.
O tipo che domani è sabato, e finalmente ci vediamo.

Poi ci penso e, addirittura, sono cose persino molto più che belle.
L'oro separato dalla ghiaia, invece che la farina cattiva separata da quella buona.

Share This:    Facebook  Twitter  Google+

7 commenti:

  1. L'episodio con la genitrice mi è piaciuto, si :) sarà che ora che mi manca la mia mamma vedo madri ovunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella donna è davvero speciale.
      L'amore è capace di guadagnarselo, e lo fa ininterrottamente da quasi 30 anni, senza mai averlo preteso per diritto.
      <3

      Elimina
  2. Una fatica dell'anima, in un certo senso, ad adattarsi a ciò che c'è intorno.
    Che tu lo sai che dovresti vivere distratta - ma non distratta dai libri - distratta dalla superficialità, dalle lucette, e dai pettegolezzi frivoli. Ché è molto più semplice, poi, affrontare la realtà così. Affrontare la fatica.
    Ma per me - e penso anche per te - forse è quasi più faticoso provare a essere superficiali che a essere se stesse. Con tutti i buchi che ne conseguono.
    Non so, io ogni tanto mi concedo l'idiozia, ogni tanto mi concedo me stessa, in un equilibrio fragilmente forte.

    Threadless è amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mareva, Mareva, tu mi capisci sempre.
      So come sono, so come sarebbe più comodo che fossi. Certe volte lo switch mi viene facile, altre mi impantano.

      Sostanzialmente una immensa rottura di coglioni.

      Elimina
    2. No è che noi, forse, in un'altra vita eravamo migliorissime amiche ahahaha! <3<3

      Capirti è bello ma è una tale rottura di coglioni farlo perché so cosa vuol dire essere così, come noi.

      Elimina
  3. Più che distrazione ci vorrebbe invece un impegno.
    Tipo un corso di pittura o di lettura. O volontariato.
    Insomma qualcosa che in assenza di lavoro occupi parte della tua settimana.
    Ricordo quando nè studiavo nè lavoravo...mi ritrovavo ad essere annoiata e a desiderare un lavoro. Ora ho il lavoro e vorrei di nuovo tutto quel tempo libero.
    Sono incontentabile, lo so.

    Bella la frase finale: L'oro separato dalla ghiaia, invece che la farina cattiva separata da quella buona.
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che le cose da fare ce le ho (bellissime tra l'altro, di quelle che più amo): ma vengono certi momenti, scatenati da certe persone e da certe dinamiche che non mi appartengono, e va tutto a puttane, anche l'entusiasmo. E per me l'entusiasmo è tutto.

      Grazie cri <3

      Elimina