venerdì 15 marzo 2013

Il problema.

Il problema di quando costruisci le cose, e te le inventi, e ti circondi di grattacieli, e fai il cielo rosso, e il mare sempre calmo, o sempre agitato, e sono tutti molto simpatici, o molto antipatici, e bevono tutti le birre che vorresti bere, e fumano tutti e non fa male a nessuno, e pensano come la pensi tu, o ti contraddicono con quel fare che piace a te - che piace a te perchè sei stata tu a inventartelo -, e nell'aria c'è proprio la malinconia che hai nello stomaco e quella sospensione di quando si è in sala d'attesa, e tutto è esattamente come dovrebbe essere perché legiferi e governi e mandi a morte senza sottostare a organismi di controllo, e lui vorrebbe stringerle la mano e lei le infila sempre in tasca, il problema, dicevo, è che, se quelli non si prestano più a fare come dici, il mondo si rompe, e  non ne hai un altro a portata di mano, che faccia da riserva.

Share This:    Facebook  Twitter  Google+

3 commenti:

  1. Nel Mulino che vorrei mi chiamo Hitler

    RispondiElimina
  2. Gran bella merda quando il personale regime di terrore non funziona più.

    RispondiElimina