mercoledì 6 marzo 2013

Fumo nero e uomini pazzi.

Considerando che nemmeno troppi anni fa i miei tracolli nervosi erano spesso legati all'impossibilità di ottenere l'ID Alto con Emule, mi viene da pensare che nella vita si può sempre guarire.
Non sono più consumata da domande quali "perché io scarico a 3kb/s mentre tutto il mondo ha già visto l'ultima puntata di Lost sette ore fa?" e "cosa ho fatto di male per non poter vedere in anteprima assoluta la scoperta della botola e dell'esistenza di Desmond "brotha" Hume e PennyPennyPenny?"

carrisonford

Si può migliorare dunque, se sono passata dalla fase lo voglio adesso, subito, lo voglio di più (il telefilm), a quella denominata mettiamo insieme un po' di puntate, ché una alla settimana è troppo poco.
Fase che sfocia addirittura nella stoicissima Guardiamo la serie tutta di seguito A FINE STAGIONE.

Succede sempre più spesso ormai.
Il mestiere della spettatrice di telefilm si è trasformato in un hobby.
Che strano.
Che malinconia.

Un tempo discutevamo sulla morte di Buffy, sull'antipatia di Dawn. Ci accapigliavamo tra Bangel e Spuffy. E gridavamo indignati per la sospensione di Firefly, anche se sarebbe il caso di abbandonare l'idea che si possa ripetere un miracolo come quello di Serenity.
E le tavole rotonde per capire come fosse possibile che i nerd del cylon toaster avessero iniziato a pretendere di farci ridere facendo peti, secondo l'indegna tradizione Boldi/De Sica.

inothernews

Il tutoraggio ai novellini che pretendevano, alla seconda stagione, di vedere la faccia della madre di Ted. Sì, come ho conosciuto vostra madre, e allora? Portate pazienza, illusi.
L'incazzatura per le puntate stand alone di Fringe, quando la continuity era epica.
Ma quanto è bella la metanfetamina blu, eh? Chissà se è buona come dicono. Quante volte abbiamo dato del coglione al tipo che non apprezzava il ruolo fondamentale della mosca nella 3x10? Il dramma e il ridicolo che c'è dietro a quella mosca.
La tavola periodica è poesia.



E i capelli perfetti di Don Draper, le sigarette falliche, e quella bambina cresciutella di Betty. Il suo smalto l'ho cercato per mesi. Christina Hendricks e Anna Torv dalla pelle trasparente.
Mi si nota di più se dico che mi è piaciuta una puntata di Brothers and Sisters o se dico che non mi è piaciuta una puntata di Mad men? E siamo del team Rick o del team Shane? L'avremmo aperto a picconate il granaio o avremmo continuato a dar da mangiare agli zombie? Posso dire che mi piace più Rudy di Nathan? Qual è il miglior finale di stagione in assoluto? Qual è il migliore finale di serie in assoluto? Era necessario farli reincontrare in un limbo? E noi che avevamo elaborato teorie filosofico-scientifiche che fine faremo? Andremo a lavorare in un call-center quando meriteremmo un lavoro da autori televisivi di successo? Ci rimetteremo nelle mani del Signore sperando che ci vada di culo?
E ho pianto nella vasca da bagno quando Tate non ha salvato Violet.
E ho pianto quando Fred è diventata Illyria.
E ho pianto quando Nucky ha sparato un colpo in fronte a Jimmy.

Non mi si venga a dire che i telefilm sono stronzate se, ancora prima di sapere cosa fosse un computer, il Fresh Prince era un appuntamento da non perdere. Se potessi tornare indietro vorrei dirgli di non mettersi a fare i film con Muccino, ma continuare a sfottere Carlton.
E ancora prima c'era Bayside School e SuperVicky e i Robinson, senza i quali oggi non potrei capire le battute sui maglioni di Bill Cosby. All'epoca era ancora un hobby, come adesso e non come ieri.
Ma non mi si venga a dire che i telefilm non sono importanti, o non hanno segnato generazioni. I miei non mi lasciavano vedere Beverly Hills, quando tutti i bambini della mia classe lo vedevano, e se non segna questo, cazzo, ditemi voi cosa.
Se esiste il momento in cui sono diventata adulta, se posso indicare il momento preciso della disillusione e dell'amarezza, è stato quando ho scoperto che Zia Assunta era la mamma di Francesca, e Yetta semplicemente la nonna. Ed erano tutti ebrei e non italiani. E non so chi avrebbe dovuto sentirsi più offeso da questo nostrano e sconclusionato adattamento e chi, poi, ne avrebbe dovuto giovare.

Una vita di bugie, una speranza per le presentatrici Avon.
Da certe verità non ti riprendi più.

Share This:    Facebook  Twitter  Google+

14 commenti:

  1. Cosa sei andata a tirar fuori! Firefly! Super Vicky! E Genitori in blue-jeans?!
    Comunque anche io facevo parte dello sfigate-team che non poteva guardare Beverly Hills. Però La Tata sì che me lo guardavo morendo un po', ahimè, con la scoperta della sua provenienza da Brooklyn e non dall'Italia. E tutto il resto.

    Hai scritto un post bellissimo. Io per scrivere una "storia" del genere infilandoci quello che hai infilato tu impiegherei ere. Ti amo e odio. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi c'erano altri a cui veniva impedito di seguire le gesta di Brenda e Brendon! Mi viene da piangere. (Una volta comprai il quaderno con il faccione - sarebbe meglio dire la fronte- di Dylan sulla copertina, e sapevo solo vagamente chi cazzo fosse. Tentavo di arginare il mio essere sfigata sfoggiando oggetti di pacchiana cartoleria).

      Io ti ringrazio perché, lo sai, detto da te è grasso che cola. Però amami soltanto, dài, ché così è reciproco <3

      Elimina
    2. Poi a tutte piaceva Dylan per cui, per un periodo, me lo feci piacere anche io. Anche se in realtà, di nascosto, ho sempre preferito David.
      Io, alle medie, compravo Cioè e facevo finta mi piacessero i Take That per non sentirmi una sfigata - che a 11 anni io ascoltavo De André.

      E sia, solo amore per te!

      Elimina
    3. (Mia mamma non mi comprava nemmeno il Cioè).

      Amish in potenza.

      Elimina
    4. Madonna, direttamente dal 1890!

      (Io, una volta, a 11 anni ci trovai in omaggio un assorbente. L'imbarazzo. Non con mamma ma con l'edicolante)

      Elimina
  2. Non si può scegliere tra Rudy e Nathan! O personalmente io non ci riesco!
    E ora ch ci penso non so più nemmeno se sono team shane o rick.. Ma dal momento che shane è passato a miglior vita l'unica alternativa che ci rimane è rick con le sue visioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TWD rientra nella categoria "metto insieme tutte le puntate e vedo la serie a fine stagione, tutta in due giorni". Detto questo, finché era in vita, ero nel team Shane. E anche nel team Daryl. Magari rimarrò stupita da Rick in questa terza stagione, chissà!

      Elimina
  3. Io non potevo guardare Merlose Place, era troppo ardito...ma Beverly Hills mi era concesso, per fortuna! E Dawson's creek? E' stata l'unica serie che ho veramente seguito dalla prima all'ultima puntata, lasciandoci per altro ettolitri di lacrime e kilometri di messaggi scambiati con le amiche per dire chi dei personaggi fosse il giusto fidanzato di Joey. Poi E.R., qualcosa di Dr. House e di Grey's Anatomy, Flash Forward e Lie to me. Ma non ho mai seguito niente fino alla fine o con costanza, non mi appassionano abbastanza. Non ci sarà mai un "adouonauei" migliore! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma lo sanno tutti che l'unico fidanzato per quella sciacquetta della Potter poteva essere solo Pacey, ché Dawson, guarda, era un rompimento di palle che non l'avrei consigliato nemmeno alla mia peggior nemica (appunto, la Potter).

      E.R. l'ho guardato per tanti anni, odiavo Julianna Margulies perché interpretava la fidanzata di Clooney e a me, a quell'età, Clooney piaceva. Poi s'è scoperto che è gay (perché si è scoperto, no? Mica c'è bisogno di altre prove?) e allora ciao.
      Grey's Anatomy pure l'ho guardato per un certo numeri di anni, poi l'ho abbandonato perché manifestava una incipiente sindrome di Beautiful.
      Però sì, adouonauei è un grande classico della nostra adolescenza :D

      Elimina
  4. Buffy l'ho visto tutto, e alla fine ho realizzato che mi stava antipatica, ma non poco... tanto tanto.
    Non mi hai citato Will & Grace e Dawsoon's Creek, per me pietre miliare.
    però il riscatto con Bayside School e Brother & Sister... e White Collar e Desperate Housewife, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le casalinghe disperate le ho abbandonate quasi alla fine: ammetto che stava diventando eccessivamente surreale e i capelli rossi di Bree, per quanto dalla bellezza ipnotica, non erano motivo sufficiente per farmi continuare.
      Will & Grace l'ho sempre visto random, non l'ho mai seguito con serietà dall'inizio alla fine, però mi piaceva assai. White Collar non l'ho mai visto, merita?

      E poi mi sono accorta di non aver nominato un grande classico: Friends. Una vera ossessione! Ma sai com'è, i tf sono un vortice, e ci entri e non capisci più niente :D

      Elimina
  5. Io e mia sorella sul divano insieme a nonna (che si trovava giusto giusto quel giorno a casa nostra). Ultima puntata di Buffy. Spike muore. Pianti isterici miei e di mia sorella.
    La nonna che ci guarda sbalordita e ci dice: "Ma perchè state piangendo?"
    Niente. Per giorni sono stata male. Anche se lui poi è tornato in Angel.
    Io sono un pò indietro con i telefilm che seguo, causa: pc rotto. Per fortuna Supernatural sono riuscita a recuperarlo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La morte di Spike è una di quelle cose che non si superano! Anche io e mia sorella abbiamo pianto alquanto.
      Io supernatural non l'ho mai seguito, ma sono molto aggiornata perché l'Architetto è un fan della prima ora :D

      Elimina
    2. l'Architetto ha conquistato 1000 punti :P

      Elimina