Passa ai contenuti principali

Achtung! Alta concentrazione di me stessa.

Dato che la mia serata prevede una lunga sessione di gioco a The sims 3, non rischio certo di apparire improduttiva rispondendo al questionario della carinissima Patalice , la quale mi ha gentilmente taggata in questo post.

Il venerdì sera, secondo me.

Come funziona il tutto?
Io rispondo alle sue 11 domande.
Poi scrivo 11 cose a cazzo su di me.
Poi faccio 11 domande a 11 fortunati estratti col metodo bussolotto.

Tutto chiaro?
Mi accingo dunque a rispondere.

1) Cosa guardate prima in una donna/uomo?
 I denti. Tipo concorso ippico. 
2) Ultimo desiderio prima di abbandonare questo mondo triste e crudele.
Spero che ci sia una Melinda Gordon che mi faccia passare "oltre".
3) La persona su cui avete pensato più volte mentre vi masturbavate.
Una cosa a tre io, l'Architetto e Anna Torv.
4) Un libro, un film e una canzone sull'isola deserta.
Le iene di Tarantino, Brain Damage dei Pink Floyd, Survivor di Palahniuk. Ma se me lo chiedi fra 5 minuti dico tre cose diverse (tipo Il pianista di Polanski, Dear Prudence dei Beatles e La morte a Venezia di Mann). Fra 10 minuti dico-
5) La vostra persona preferita nella vita?
La genitrice, seguita a ruota dall'Architetto. 
6) Destra o Sinistra?
Sinistra. Ma se si tratta del lato del letto su cui dormire, è indifferente. 
7) L'erba del vicino è davvero sempre la più verde?
Ho le piante finte. Verde fosforescente rulez. 
8) Ieri vi siete lavati i denti prima di andare a dormire?
Sono una nazista della pulizia dei denti.
9) Io sono simpatica o vi scasso le balle?
Tipo, la persona più simpatica dell’universo. 
10) Siete bugiardi o la vostra fedina penale pinocchiesca è immacolata?
Lo sono stata. 
11) Dio, c'è o non c'è?
Torna fra 5 minuti. 

E adesso, la richiestissima rubrica "Cose a cazzo su di me".





1) Odio i cambiamenti. Da piccola piangevo per ore quando mia mamma spostava qualcosa nella stanza. Una volta mi comprò un peluche gigante per mascherare qualcosa riguardante un armadio.
2) Quando sono nervosa, dormo. Ho dormito prima e dopo ogni  funerale.
3) Non ho mai riletto un libro.
4) Mi piace bere e mangiare e le persone che bevono e mangiano.
5) Non mangio pesce, crostacei, niente che venga dal mare. I pesci, vivi o morti, mi fanno una paura fottuta.
6) Sono timida a livelli patologici ma si potrebbe dire anche il contrario.
7) Odio quando un uomo mi guarda per strada.
8) Porto gli occhiali da quando avevo sei anni e non è passato giorno senza che li abbia indossati. Mai pensato di mettere le lentine o di operarmi. ORGOGLIO QUATTROCCHI.
9) Non faccio gli auguri ai compleanni, agli anniversari, alle lauree (sono escluse le femmine della mia famiglia e l'Architetto).
10) Sono stata una secchiona. In periodo d'esami ripetevo il libro di testo anche 10 volte, di cui: 5 dal primo all'ultimo capitolo e 5 dall'ultimo al primo.
11) L'Architetto dice che sono simpatica come la signorina Rottermeier.


Non taggo 11 persone perché, ovviamente, i Sims mi aspettano.
Tuttavia i bellissimi lettori di questo stupido blog possono rispondere, se ne hanno voglia. Un po' di sano onanismo non ha mai fatto male a nessuno.
Anche nei commenti, eh, mica per forza nei vostri blog.
Prendetevi gioco di me, rispondete, fate altre domande. Fate un po' quel che vi pare, insomma.

Dunque:
 
1) Il personaggio storico più figo di sempre.
2) - 3) Il film più brutto e il film più bello che hai mai visto.
4) Il telefilm che ti ha più appassionato.
5) Il più bel dipinto mai dipinto.
6) Il tuo piatto preferito.
7) Grande classico della letteratura che non hai mai letto.
8) Il cartoon preferito.
9) - 10) Una cosa che non sai fare e una cosa che sai fare benissimo.
11)  Quanto hai preso all'esame di maturità?

Ciao belli.

Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.