Passa ai contenuti principali

The days seem so strange from my windowpane.

Fuckyeahhipsterpics


Ci sono io.
C'è una madre, una sorella, una nonna, praticamente un gineceo - i cicli mestruali sincronizzati come in prigione. C'è un padre lontano, l' Architetto, la Strega di Blair, il direttore, una migliore amica che si sposta per l'Italia, gli amici di master.

C'è quello che provo per me stessa, quello che dice il mio personaggio, quello che scrivo di me.
C'è l'amore per una, lo straniamento dall'altra, il senso di colpa e le porte a vetri sbattute, una finzione costante e perpetua piuttosto dolorosa - difficile da non contraddire, la complicità e il sesso, l'affanno di sembrare seria quanto sono, sbottonarmi la cintura e fare la cretina, il silenzio condiviso di chi si conosce tanto e bene, essere buffona quasi sempre.

C'è quello che pretendo da me stessa, quello che dico di pretendere, quello che vorrei pretendere.
La serenità e la sicurezza, la superficialità e poche domande, il buongiorno ogni mattina e fingere di non sentire gli insulti e gli "stronza puttana", resoconti periodici e un lavoro che lo liberi, la fedeltà e tutta la mia attenzione, idee giovani e articoli precisi a testa bassa e senza scherzare troppo, che sia io a mettere la stanza di buonumore, che alzi il telefono più spesso o almeno che scriva più email, che prenda la parola quando loro stanno zitti.

C'è quello che voglio fare, quello che dico di voler fare, quello che scrivo di voler fare, quello che vorrei volere.
Pomeriggi a cucinare dolci, una cosa in comune - piccolissima - da condividere, almeno un ricordo che non sia un travaso di bile. Ammettere che ci ho sperato fino all'ultimo e credevo che avesse ragione e, adesso che so che non è così, può anche morire in un fosso. Aprirmi tanto da fargli leggere tutte le cose belle che mi ha scritto addosso, essere più simile a lei, osare chiedergli un'opportunità, e non dover riepilogare la mia vita ad ogni telefonata ma parlare di un libro o delle sue mattonelle, ed essere più vicina ai loro sentieri per fare ancora un po' di strada insieme.


Andare a dormire, sognare molto.
Svegliarsi.
Ricominciare da capo.


Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.