sabato 26 gennaio 2013

Cinedomeniche vol. VIII - Special edition: La Compagna di Divano.


-Io amo tutti i tipi di film, capisci? L'unica cosa che non riesco proprio a sopportare è la violenza gratuita.
-Ah beh, giusto. E qual è il tuo film preferito?
-Arancia meccanica.

E' con queste parole incise nella pietra che voglio presentarvi La Compagna di Divano.
Non esistono parole più rappresentative della sua persona, perché:
1) Le ha stampate sul suo biglietto da visita.
2) Inneggiano alla cialtronaggine come stile di vita.

Mi pare evidente che andiamo molto d'accordo.

Lei è l'ospite d'onore di questo volume di Cinedomeniche un po' speciale e, ovviamente, molto cialtrone.
L'esistenza della Compagna di Divano è propedeutica all'esistenza del divano stesso, nonché all'uso che ne faccio. In altre parole, odio guardare un film da sola.
A meno che non si tratti di un porno, è chiaro.
Anche se, forse, anche il porno è meglio in compagnia, considerando tutta una serie di ripercussioni che -

Mh.
Let's start again.

Odio guardare i film da sola, soprattutto se sono dei film molto belli o molto brutti. Che gusto c'è a sopportare le pene dell'inferno per un'ora e mezza se non ho nessuno accanto con cui parlare dello scoglionamento provocatomi dall'ennesimo film della Sofia Coppola?
Appunto.

Ecco alcune perle di saggezza della Compagna di Divano, perle casuali e sparse sul pavimento, sia chiaro, ché si è rotto il filo della collana e adesso è un macello.
Notate il suo buon cuore: ha sincronizzato audio e video, rendendosi perfettamente conto di non trovarsi su raitre.





Woody Allen.
"Io vorrei essere un personaggio a caso di Woody Allen. Però possibilmente interpretato da Diane Keaton, che è una figa."

"GVazie caVa, come se non lo sapessi!"

Davanti a un film di Woody io e la compagna di divano ci sentiamo molto intelligenti e molto niuiorchesi.
Non davanti a Basta che funzioni e a To Rome with love però, eh.
E non niuiorchesi nel senso che andiamo a pranzo indossando vestiti costosi e parlando tra noi di vibratori. Niuiorchesi nel senso tumbleriano del termine.
Nel senso che ci vien voglia di prendere i libri dalla libreria e impilarli per creare un comodino dimostrando che sì, potremmo più semplicemente andare all'Ikea e comprarcelo 'sto comodino, invece siamo creative e piene di gusto.
Nel senso che improvvisamente vogliamo ascoltare solo vinili ed essere ebree coltissime e impiegate in qualche settore occupazionale inesistente a queste latitudini. Tipo: autrici di musical off-broadway i cui protagonisti sono autori di amare commedie satiriche off-broadway, divisi tra l'attrazione per la psicanalista new-age e quella per l'attricetta di infimi broadway-panettoni natalizi.
Chiedo alla Compagna di Divano di dirmi i suoi tre titoli preferiti. Non ci riesce.

-Perché li ami tutti, eh?
-No, perché li confondo. Qual è quello con la nipote di Hemingway? E non è lo stesso di quello con Larry David? E quello con la tipa dalla fronte immensa?
-Christina Ricci?
-Boh, non lo so. Ho mal di testa. Però mi piacciono un casino, cazzarola.
-Ah ma figurati. A me lo dici.
-Ecco, allora quand'è che ce li rivediamo tutti di seguito? Magari è il momento buono per iniziare a distinguerli.


Le montagne, i dottori, gli attivisti politici ed E.M. Forster.
"Dove c'è gay, c'è speranza".

"Michelle, non fare quella faccia ogni volta che canticchio Montagne verdi.
Mi piace Marcella Bella, and so what?"

Sebbene abbia finito per, non dico odiare, ma guardare con profondo disprezzo Il Maschio, rendendolo protagonista di elaborati riti woodoo, La Compagna di Divano è donna (etero) aperta a qualsiasi possibilità.
"Gay è bello", sostiene a gran voce, "e, soprattutto, gay non viene a rompere il cazzo a me".
Ideatrice di una segregazione di genere valida solo per la sua persona, (non vuole infatti privare le donne che lo desiderassero della possibilità che Il Maschio vada a rompere il cazzo a loro), trova particolare diletto nell'osservare su pellicola gli accoppiamenti tra maschi.

Le chiedo se vuole parlare de I segreti di Brokeback mountain, Domenica maledetta domenica, Milk e Maurice, alcuni di quelli che so essere suoi film imprescindibili.

-Vuoi farmi piangere, maledetta? Lo sai che conosco ogni anfratto di quelle montagne e ho dovuto sopportare gli sguardi di disprezzo dei rednecks? Intuisci la frustrazione che si nasconde nell'imparare la torah a memoria pur sapendo di non dover fare il  bar mitzvah GIAMMAI? Lo sai che se rinasco, rinasco Sean Penn nel 2008 e sogno con James Franco roghi di reggiseni e reggicalzini? Lo sai che Hugh Grant da giovane HA FATTO UN FILM BELLO??
-Lo so, lo so. Scusa. Ti porto un bicchiere d'acqua.


Vedo la gente che non ha paura.
"Quando Damien uccide la mamma e la tata si impicca. Ecco, sono quelli i due momenti in cui io schiaccio un pisolino". 

"Bello qui. Sembra un incrocio tra un bordello turco e un art attack."

Dico alla CdD che, se dovesse autorizzarmi a diventare la sua biografa ufficiale, scriverei del suo cuore di ghiaccio rispetto ai film de paura.
Quelli che IO guardo stringendo un peluche.
E LEI DORME.
Mi dice che non mi darà mai il permesso per scrivere la sua biografia.
"Scriverò una biografia non ufficiale e ti sputtanerò. E dirò che ti piacciono i film di DARIO ARGENTO!"

Vuole dirmi qualcosa. Apre la bocca. La richiude.

"Cazzo, è vero. E' che ho avuto un'infanzia difficile. E ho gli occhi resistenti, per questo le scenografie alla cazzo di cane di Suspiria non mi bruciano la retina. Lo so, lo so. Le pareti rosserosadorate, WTF?!
Però quei bei pupazzoni sventrati ♥
E le musiche demmerda dei Goblin ♥
Te l'ho detto: ho avuto un'infanzia difficile.
Non mi piacciono tanto i vermi che Darietto mette un po' dovunque, quelli no. E nemmeno quella roba con Veronica Lario che spruzza sangue come un irrigatore in Tenebre, ecco. E poi dai, Veronica Lario? Cioè di che cazzo dovrei avere paura?"


Guardami, guardami, guardami: al mio tre ti comporterai come una gallina.
"No ti prego dai, vediamolo anche se l'abbiamo visto ieri, rivediamolo in originale con i sub in italiano, in originale con i sub in originale, su rete 4 alle 4 di notte, su canale 5 con 3 ore di pubblicità! Rivediamolo daidaidai".

Io la conosco la CdD. Non si vuole mostrare debole. Non vuole lasciare il fianco scoperto.

-Cretina che non sei altro, ho detto che mi piacciono i film di Dario Argento. Più fianco scoperto di così!

E pure ha ragione.

Ma è arrivato il momento di dirmi la debolezza, il film che guarda ancora, ancora e ancora e non è mai stanca. MAI.
"Altrimenti dico a tutto il globo terracqueo che ti addormenti davanti ai vari Batman, Spiderman, X-men e compagnia bella! E pure davanti a The Avengers hai dormito! IL FILM PIU' VISTO DI TUTTI I TEMPI, VERGOGNA!"

Ha detto che dopo mi mena.

"Vediamo un po'. Il dottor Zivago. Tutti dovrebbero vedere Il dottor Zivago. E chi non si ritrova con la pelle d'oca sentendo il tema di Lara è una merda. Subito dopo si dovrebbe vedere Palombella rossa di Nanni Moretti. Se non sapete il perché, rimediate subito. Prima Zivago poi Moretti.
Lawrence D'arabia è un altro e lo so che ti fa piacere sentirmelo dire. La colonna sonora: vogliamo parlarne? Ti ricordi quella volta che lo vedemmo mangiando toast e birra?
Poi tutto Kubrick, e lo so: ora mi dici che non vale. Quindi direi Lolita. Peter Sellers, mioddio, Peter Sellers.
Un film di Wenders, sicuro. Diciamo Fino alla fine del mondo. La versione completa però, che dura tipo sei ore. Poi francesi, che noi siamo gente snob: Effetto notte di Truffaut, L'arte del sogno di Gondry e Il buio nella mente di Chabrol.  
Tre colori di Kieslowski.  
L'inquilino del terzo piano di Polanski.
E poi Il velo dipinto. Non quello con Greta Garbo, però. Quello del 2006 con Edward Norton, ché gli si vede il culo ed è una cosa inenarrabile. Non posso resistere."

"Ok ragazze, ok. Ma non fate girare troppo la voce."




Share This:    Facebook  Twitter  Google+

12 commenti:

  1. come si fa a vedere un film di moretti dopo il dottor zivago?
    non c'è la volontarietà di giustizia estetica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si fa, si fa :D

      https://www.youtube.com/watch?v=evUtu9FZMw0

      Elimina
  2. a me sta molto simpatica la tua CdD, però il fatto che riesce a dormire con i film di azione mentre resta sveglia e attenta con i film più noiosi del mondo resta un mistero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La CdD mi ha detto di dirti solo una cosa:

      IL GINOCCHIO DI CLAIRE.

      Elimina
  3. Io vorrei essere con te e la tua CdD.

    Ed è una dichiarazione d'amore <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3

      C'è spazio anche per te sul divano Ikea <3

      Elimina
  4. questo blog mi ispira amore e mi ricorda di quando mi sono addormentata durante Trasformer 3. Michael Bay deve finire sotto una schiacciasassi. Sempre con amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti verso addosso amore equivalente ♥
      Transformers 3 è considerato crimine contro l'umanità.

      Elimina
  5. ma dicci un pò quale è il tuo record, quanti film siete riuscite a vedere in una sola giornata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tre o quattro, credo.
      Il vero record è con i telefilm. Era l'estate 2011, e vedemmo 12 puntate di "Brothers and sisters", e collassammo accaldate e felici.

      Vuoi essere tu l'ospite del prossimo volume di cinedomeniche?

      Elimina
  6. La tua CdD ha gusti spettacolosamente da impalmare.
    Lovvo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una donna sopraffina, non c'è che dire.
      Mi dice di dirti che ti lovva anche lei.
      Lovviamoci tutti.

      Elimina