Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2012

Introducing La Strega di Blair.

Avevate paura che, con la fine del Master of Horror, le mie vicende da pseudo-giornalista/pseudo-adetta stampa/pseudo-anchor woman fossero finite?

Ah. Ah.

No, dico.

AH. AH.

Sottintendete tutto il sarcasmo che riuscite a immaginare.

Perché insieme a questi AH AH appare per la prima volta sugli schermi La Strega di Blair, così chiamata dopo lunghe ed estenuanti riflessioni.


Ovviamente, se preferite l'altro nome, non avete che da dirlo.
Oppure possiamo fare un simpatico giocherello e mixare il tutto. Risultato: La stronza di Blair.
Che pure ha il suo fascino.


Il sosia di Max Von Sydow.

Assomigliava a Max Von Sydow.
Si sarebbe potuto dire che erano gemelli se non fosse stato per una certa disparità di destini e vicende, oltre che di nazionalità e di età.
Senza contare il dna, la cui inoppugnabile spocchia era tuttavia smentita dalle borse sotto agli occhi pressocché identiche, e dalle spalle curve esattamente alla stessa angolazione.
Cose che, per un tipo come me, hanno una certa importanza.

Una volta ho incontrato un suo sosia (cioè un sosia del sosia di Max Von Sydow) sul tram, a via Marina, forse andavo all'università, non c'era motivo alcuno, altrimenti, per trovarmi in via Marina.
Era proprio uguale a Max Von Sydow di spalle, solo che io non credo in niente, praticamente niente di niente e quindi, niente.
Era solo uno che assomigliava a quello che assomigliava a Max von Sydow.

Però mi venne la tachicardia perché certe cose, anche se non ci credi, fanno venire la tachicardia ai tipi come me. Scesi dal tram alla mia fermata: già avevo le palpitazioni, scen…

Cinedomeniche vol. VI - Le saghe/Alien.

La Compagna Di Divano snocciola titoli a caso durante una cinedomenica e l’Autrice glieli rifiuta tutti.
L’autrice spinge il tasto play e dopo sette minuti quello stop. La Compagna Di Divano decide allora di consultare l’enorme faldone che contiene l’elenco (alfabetico, cronologico, per generi) di tutti i dvd in nostro possesso.
(Avevate dubbi che esistesse un faldone del genere in casa mia?)
Scene di ordinario delirio.

La verità è che, scegliere tre film nell’arco di poche ore, è difficile. Le amicizie muoiono per questo. E i parenti non si parlano per anni. Ecco che vengono in aiuto LE SAGHE
LE TRILOGIE. 
LE QUADRILOGIE
Magnifiche invenzioni che soccorrono le pulzelle in crisi di nervi. La saga è bella e pronta, già montata, con la sua logica. Perfetta. Abbasso Ikea.


Sei l'autunno.

Sei l'autunno
e non ti piace spostare le cose.
Ricevi in lacrime una bambola fuori misura
che nasconda l'errore del letto
poggiato su una nuova parete.




La gente che si diverte tantissimo.

Ieri mi hanno fatto più foto che in tutta la mia intera esistenza.

Sono stata invitata a una festa di compleanno in un posto fighissimo. Uno di quei posti in cui entri e non sai che fare. Superi il buttafuori, vedi una distesa di divanetti bianchi e piante d’appartamento ornamentali. Boh.  Che si fa? Beviamo? Balliamo? Troviamo qualcuno di scopabile prima che si faccia troppo tardi e rimangano solo cessi?
-Fermi tutti. Non diciamo cazzate. Innanzitutto aggiorniamo la nostra posizione su FB e tagghiamoci a vicenda!
Tutti si divertono tantissimo. 

La gente-che-si-diverte-tantissimo si riconosce perché ha un bicchiere con un cocktail rosa in mano e balla tenendolo in alto sulla testa. La-gente-che-si-diverte-tantissimo indossa tacchi talmente alti che cammina con le ginocchia piegate e la grazia di una giraffa, attirando gli sguardi dei maschi in calore. La-gente-che-si-diverte-tantissimo pascola avanti e indietro e poi indietro e avanti. Guarda chi c’è, sperando che ci sia qualcuno che si cono…

Motivo #14 per cui non pubblicherai mai un romanzo.

"Perché non hai fatto una conversione spirituale dell'ultimo minuto e, se guardi in alto, è solo perché stai bestemmiando."

La conversione religiosa è la trovata più adatta in caso di oblio televisivo. Farne un libro-testimonianza è da geni. Inchinatevi davanti a tanta sagacia.
Meglio, genuflettetevi.
Come dite? Non mettete piede in una chiesa dal giorno della vostra prima comunione?



Se siete religiose come la monaca di Monza, non mancherà certo nel vostro curriculum la voce "conduzione televisiva di un programma mattutino a caso". Questo vi rende automaticamente esperte di mariti, figli, lavatrici, lavastoviglie, cucina e trucchetti per fare la cresta sulla spesa. Come dite? Non siete mai andati in televisione? Non avete mai partecipato a Veline? Non avete mai fatto un provino per il Grande Fratello? Orwell chi? 


 Agli affascinanti giovanotti rimane la strada del calcio. Da lì in poi vale tutto: tanto siete calciatori e c'avete i soldi.
Come dite? Soffrite …

Ho fatto le elementari dalle suore, ecco perché sono venuta su così.

Dunque. Incontro per caso questa ex compagna di università dai bellissimi occhi verdi trasparenti, che frequentavo abbastanza all'inizio della specialistica prima di ritirarmi definitivamente nelle mie stanze a riflettere e mandare a fare in culo il genere umano che frequentava Filologia Moderna.

Ecco, questa ragazza non era stata ancora trascinata nel tunnel, tanto alla moda, di "Facciamo un miliardo di esami integrativi per diventare le professoresse fallite di domani!", cosa che la rendeva, ai miei occhi, un pelo più frequentabile del resto delle mie colleghe.
Aveva altresì un piccolo difetto: cercava di coinvolgerti nelle attività della parrocchia e della comunità religiosa e degli incontri spirituali del primo venerdì del mese.

Un paio di volte mi ha portato pure il volantino degli incontri.
L'IMBARAZZO.

Lei mi vede da lontano e inizia a sbracciarsi. Io, che sono un po' miope, ci metto un attimo di troppo a fare dietro front e fingere di non averla vista. Io …