Passa ai contenuti principali

Cose che non voglio leggere quando mi siedo sul divano a leggere #1.

Ho letto un libro in cui loschi figuri era usato senza alcuna intenzione comica.

Ho bisogno di un abbraccio.
Certe cose non le posso vedere.
Datemi una coperta e un peluche da stringere.

Sono colta da delirium tremens quando leggo certa roba. Perché, o sommo poeta, non puoi far vomitare la gente. Non è carino. Ci sono tanti quaderni e diari con le copertine decorate e i lucchetti per mantenere i segreti. Ecco: scrivi lì.
Oppure apriti un blog, come tutti i comuni sfigati.

Ci sono cose che non voglio leggere.
Se le leggo mi viene una ruga.
E sono troppo giovane per avere le rughe.

Le frasi fatte.

Parliamone. Anzi no. Se avete il coraggio, parlatene voi, ma sappiate che poi io prenderò le mie stelle ninja e mirerò ai vostri bulbi oculari.  Normalmente io non rivolgo nemmeno la parola a uno che mi dice che una rondine non fa primavera.
Come a quelli che mi chiedono di che segno sono.
Tagliategli la testa.



L'Autrice subito dopo aver risposto: "Scorpione."

In piena adolescenza  mia madre pensò che quella roba lì di scrivere sarebbe passata come era passata la fase punk dei bracciali con le borchie.


Così mi regalò questo Ricettario di scrittura creativa di Brugnolo-Mozzi con cui mi sono divertita per un po'.
A pagina 454 c'è una bellissima storia fatta di frasi fatte tratta da Povero Pinocchio, testo curato da Umberto Eco.
E' così bella che fa sanguinare gli occhi.
E' così bella che, dopo averla letta, non riuscirai nemmeno a pensare una frase fatta per tutto il resto della tua esistenza.
Certe cose sono terapeutiche.

"Non poteva continuare a restare con le mani in mano. Si sarebbe data una smossa: non voleva certo continuare a mangiar polvere."

E continua così per una vita. Commovente.

Allora io soffro se, in un romanzo pubblicato da Sua Maestà delle Case Editrici, gli applausi sono scroscianti, il vento sferzante, e batte sempre 'sto cazzarola di vento. Batte. Il cuore si stringe. Gli oggetti contundenti si brandiscono sempre.
Eccheppalle.

Se poi passiamo al romanzo misterioso che ho dovuto leggere nei giorni scorsi, sappiate che ho desiderato di porre fine alle mie sofferenze piantandomi una forchetta nel cuore.
Volti scavati, loschi figuri, cuori e capanne, staffe che si perdono e una cosa come filibustiere. Filibustiere.
Che nel senso della frase avrebbe potuto essere elegantemente sostituito con figlio di quella puttana di sua madre o bastardo.

Se vi viene da chiedermi "Ma allora, tu che sei tanto brava a rompere i coglioni, come lo descriveresti un applauso?" io vi rispondo che se non c'è niente di meglio che scrosciante, non lo descrivo manco per niente.
Chissene di un applauso che è banalmente scrosciante.

Le parole a un certo punto si consumano e non significano più niente. Allora è meglio non usarle più.
Amen.
RIP.

E comunque rompo quanto mi pare, non perché credo di saper scrivere ma perché sono sicura di saper leggere.

Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.