Passa ai contenuti principali

Come sopravvivere alle gattare grazie a Martin Woodhouse.

Ci sono diversi e bellissimi motivi per cui ho deciso, di punto in bianco, che portarmi dietro un libro da leggere negli spostamenti per raggiungere il Master of horror, potesse rivelarsi piacevole.

Perché lo faceva Rory in Gilmore Girls.
Perché sembro molto raffinata.
Perché finché avrò un masterizzatore dvd non passerò sera senza guardare film; e quindi non leggerò.
Perché non mi piace chiaccherare con le vecchie alla fermata del pullman.
Perché il tentativo di ascoltare la musica è fallito miseramente.

L'autrice in un momento di relax.

Solo che. Solo che.

Solo che io vivevo nell'errore. Credevo di vivere in una città in cui una ragazza con i capelli rosa, lo smalto blu, una maglietta stracciata e un cappottino Burberry potesse salire e scendere dalla metropolitana con un libro sotto un'ascella e l'IPad sotto l'altra, nell'indifferenza più completa.
A Berlino. O su Plutone. Non so.

E invece no.





Io ho i capelli normali, la faccia normale, dei vestiti normali, un cappottino grigio e le unghie banalmente rosse, però ho scoperto di essere un panda. Una bestia rara che suscita curiosità e tenerezza. E mi lancerebbero delle noccioline, se non fosse che il cartello lo vieta. Solo perchè, invece di guardare il panorama mozzafiato della tangenziale, mi metto a leggere.

Così, in queste convulse giornate senza né capo né coda, mi hanno avvicinato, nell'ordine:

  • un uomo che, intravista la doppia "O" della Woolf, mi ha chiesto come mai leggessi Woodhouse. Ma chi è Woodhouse? Sono ignorante? Wikipedia mi rimanda a un tale Martin Woodhouse, sceneggiatore di The Avengers e di Supercar. Insomma, ha scritto anche dei romanzi il cui merito sta, a quanto pare, nell'aver anticipato Crichton di qualche anno. Ed era bravo col computer e certamente era una persona squisita, ma: dovrei conoscerlo? E' plausibile che una ragazza legga l'opera di Woodhouse su un pullman?

L'autrice fonderà a breve l'Istituto per la Diffusione
dell'opera di Martin Woodhouse.
  • un uomo che, per la stessa ragione, mi chiedeva lumi sugli scritti di Woody Allen;
  • un giovane esponente dei Cavalieri di Cristo o dei Cristiani Avventisti del Giorno del Giudizio o come diavolo si chiamano che, dopo avermi chiesto cosa stessi leggendo, ha tentato di convertirmi alla parola del Signore. E, appena si è reso conto che non ero il tipo, mi ha dato un volantino promozionale sui corsi di inglese tenuti dai giovani Apostoli Madrelingua del Signore.
Che poi io, tutte le volte che mi ha preso la curiosità di sapere cosa stesse leggendo un tizio che passava, mi mordevo la lingua e mi facevo gli affari miei. Al massimo piegavo il collo in maniera ridicola per sbirciare la copertina. Comunque non tiravo a indovinare deducendo qualcosa da una lettera.

E vabè.

Tutto questo è comunque sopportabile se penso ai tragici momenti in cui, per sbaglio, incroci lo sguardo della vecchia-pazza-gattara che inizia a maledire l'autista, i controllori, i marocchini con i borsoni, e questa lady ti si attacca addosso, e ti racconta che ha male all'anca e, anche se non la guardi, pare che stia parlando proprio con te, e vorresti buttarti giù dall'autobus in corsa.

Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.