Passa ai contenuti principali

Norvegia e torte di mele.

Ecco. Credo sia abbastanza grave il fatto che io non ricordi assolutamente di aver scritto queste poche righe.
Dove, quando, ispirate da che cosa?
Non è ho idea. Così come non ho idea di dove si trovi Trondheim e se esista, o sia una località della Terra di Mezzo.
(Sono corsa ai ripari e ho googleato: si trova in Norvegia ed è sede di una importante Università. Bello.)
Ma come e perché abbia trovato cinque minuti per scrivere una cosa del genere e metterci dentro Trondheim, zar russi e torte di mele, boh.
Vago ricordo: forse era quando ascoltavo tutto il giorno Paolo Nutini e mi informavo sui prezzi di una crociera nei fiordi. Ari-boh.



Comprò una valigia nuova, rossa con il manico di pelle.
Scelse dei jeans scuri e dei jeans chiari, una camicia bianca con una piccola macchia di caffè sul colletto, un maglioncino per le serate fredde e avide di abbracci, delle scarpe che lasciassero le dita dei piedi liberi di muoversi. Dimenticò il braccialetto, dono di un discendente degli zar russi: un sottilissimo filo d'oro a cui erano appesi dei pendenti a forma di chicco di caffè. Ma una sua amica le scrisse appena in tempo una lettera dal sud della Francia che nel post scriptum diceva "ricordati di non dimentcare quel braccialetto che a Trondheim mi faceva svegliare sempre di buon'umore!"
Per il resto fu semplice: costume da bagno color medusa, scarponcini, zaino, cappello e sciarpa da trekking, cruciverba e crema solare per le mattine pigre sotto l'ombrellone.
Salutò la sorella e gli 8 fratelli che le avevano preparato una torta alle mele e che in quel momento le stavano cantando una canzone. Si commosse, ma nascose le lacrime con la scusa di prendere un altro piattino per la madre che, nell'euforia, aveva fatto cadere la sua porzione sul gatto.
Abbracciò forte, una ad una, le 11 persone che le si trovavano davanti e che la separavano dalla porta. Ad ognuna sussurrò qualcosa nell'orecchio.
Poi finalmente aprì la porta.

Post popolari in questo blog

Alcune cose che potrebbero interessarvi ma, molto più probabilmente, no.

Salerno #2
Quando questo inverno sono andata con l'Architetto a Salerno per una due giorni su due ruote, non sapevamo che sarebbero stati due giorni sotto la pioggia e nel vento polare artico.
Non avevo ancora iniziato a vedere Game of Thrones, quindi non potevo sapere che gli Stark parlavano di Salerno dicendo "winter is coming". Se ne dedusse che Salerno è più fredda del capoluogo di regione.
Ebbene oggi, dopo una due giorni su due ruote, deduciamo che Salerno è anche più calda del capoluogo di regione.
A Salerno sono degli sboroni.
The fucking summer is here.




Io i capelli li lavo con un Chianti del '71.
Ovviamente Salerno significa Lush, che significa fior fior di euro gettati sull'altare della Dea Bellezza, che significa farsi fottere da commesse troppo gentili.
Io ero andata preparata, pronta ad uccidere.
Nessun "voglio dare un'occhiata".
Nessun "non mi serve niente di preciso".
Entro, saluto, CHIEDO quello che mi serve (per le curioso…

Il compleanno del maschio: guida alla sopravvivenza.

Temuto come un attacco di ridarella durante la santa messa, arriva il compleanno dell'Architetto.
O della vostra metà che fa qualsiasi altro onorato mestiere.
Non dite che non vi sale un brivido lungo la schiena, perché non vi crederò. Il compleanno di una persona amata è un momento bellissimo perché potete dimostrargli quanto gli volete bene, attraverso la cura e l'attenzione nella scelta del pensiero per quel giorno speciale.

STRONZATE.
Queste cose lasciatele dire alle decerebrate che insegnano bon ton su real time.
Fare regali a un uomo è difficile, amiche mie. E quanto più lo amate questo uomo, tanto più sarà difficile. E da quanto più tempo starete insieme, a quest'uomo, tanto più sarà difficile.
Maschi che leggete: osate forse dire che fare un regalo a una donzella sia complicato? Lo confermate pubblicamente, davanti alla giuria?
MI OPPONGO VOSTRO ONORE.
Trucchi, gioielli, bigiotteria, smalti. Trucchi rosa, gioielli rosa, bigiotteria rosa, smalti rosa. Rose. Rose ros…

Cinedomeniche vol. XI - Maggio.

Tutti a lamentarvi di questo mese climaticamente pazzerello.
L'avete chiamato in tutti i modi, umiliandolo con neologismi quali maggembre, signori miei.
MAGGEMBRE.
Non vi vergognate? NO, dato che avete partorito anche GIUGNAIO. Meritate 40 frustate. Imparate dai francesi, che sapevano inventare calendari meglio di voi.
Perdonatemi, ma non capite niente. Anche se sono costretta a un abbigliamento inadeguato (ora indosso t-shirt di cotone, cardigan di lana, pantalone di lino, calzini e infradito) sono felice perché ho goduto di un altro mese sul divano con la copertina. E come si guardano film con la copertina, non si guardano senza.
Se c'è bisogno che ve lo spieghi, non so più cosa pensare.